William Henry Jackson: Pioneer Photographer of the American West

La storia del West americano è piena di molti grandi personaggi e personaggi. Il modo in cui l’Occidente è stato vinto o perso, a seconda della parte in cui ti trovavi, può essere raccontato attraverso la vita di molte persone. Non tutti erano cowboy, fuorilegge, giocatori d’azzardo o uomini di legge come sono spesso ritratti in film e romanzi; Alcuni di loro erano fotografi. William Henry Jackson è uno dei fotografi la cui storia sembra fantastica.

Jackson nacque il 4 aprile 1843 a Keysville, New York, appena quattro anni dopo l’invenzione della fotografia. Ha preso in mano la macchina fotografica quando aveva dodici anni e ha trascorso la sua vita a documentare il mondo che lo circondava, in particolare il West americano.

Jackson era anche un pittore e spesso combinava le due abilità colorando a mano le fotografie, che fosse il suo ritratto o quello di altri fotografi. Da adolescente, ha dipinto e ritoccato a mano per studi fotografici in tutto il Vermont.

William Henry Jackson al Glacier Point nel Parco Nazionale di Yosemite

Guerra civile

Jackson prestò servizio nella guerra civile come parte della 12a fanteria del Vermont dove assistette all’azione nella battaglia di Gettysburg. Dopo la guerra, si trasferì a Omaha, nel Nebraska, che all’epoca era ai margini del confine. Lì aprì uno studio di ritratti con suo fratello, ma per sua stessa ammissione, la fotografia di viaggio e di paesaggio era per lui più attraente del business dei ritratti.

Omaha era il quartier generale della Union Pacific Railroad, che gli commissionò di fotografare le viste panoramiche lungo il percorso per pubblicità e pubblicità per la ferrovia. Iniziò così un lungo rapporto con le ferrovie come fotografo e pittore.

Da Omaha, ha effettuato diverse “spedizioni fotografiche” verso ovest per fotografare e dipingere i paesaggi e gli abitanti della zona. Nel 1869 fu incaricato dall’editore E & HT Anthony, poi divenuto Ansco, di fornire 10.000 immagini stereoscopiche di paesaggi occidentali. È stato anche designato come fotografo ufficiale dal governo degli Stati Uniti per l’Hayden United States Geological Survey.

Ha trascorso l’estate per otto anni come parte del team di Hayden, realizzando migliaia di foto di grande formato principalmente con una fotocamera 20 × 24. Questa era l’era delle pentole bagnate, il che significava che doveva trasportare centinaia di grandi lastre di vetro in un carro trainato da cavalli carrello e installare la fotocamera molto grande, coprire le lastre in una tenda scura, esporre l’immagine nella fotocamera e sviluppare le lastre asciugando l’emulsione. Lo ha fatto migliaia di volte nelle condizioni più difficili che si possano immaginare.

Così Jackson è diventato la prima persona a fotografare Yellowstone, Mesa Verde, Mammoth Hot Springs, Colorado Rockies e molto altro. Era amico e ha lavorato a stretto contatto con il pittore Thomas Moran su progetti di rilievo. Si dice anche che Jackson sia stata la prima persona a fotografare le tribù indiane Pawnee, Otoe, Omaha, Winnebago, Ponca e Osage.

Cannone Ogden, Utah, 1872. Fotografia di William Henry Jackson.

Yellowstone

La regione di Yellowstone nel Wyoming è stata la fonte di storie meravigliose di laghi bollenti, cascate svettanti e acqua calda che soffiava nell’aria a centinaia di piedi di altezza. La maggior parte di loro erano considerati elusivi o al massimo leggende. Quando Jackson mostrò le sue bellissime foto di Yellowstone davanti al Congresso degli Stati Uniti, dovettero classificare Yellowstone come il primo parco nazionale il 1 marzo 1872. Poiché non esisteva il National Park Service, il Congresso inviò i militari per stabilire un centro e pattugliare il parco . spazio. Fort Yellowstone a Mammoth Hot Springs è stato attivo fino al 1917, quando il National Park Service ha assunto la cura e la gestione dei parchi nazionali.

Immagine ombreggiata a mano del fiume Old Faithful a Yellowstone.
Thomas Moran a Mammoth Hot Springs nel Parco Nazionale di Yellowstone. Fotografia di William Henry Jackson.

Un uomo d’affari di successo

Nel 1873 vendette 40.000 fotografie all’Edison Institute di Detroit e la Denver Public Library acquistò 2.000 fotografie delle Montagne Rocciose per la sua collezione permanente.

Nel 1879, Jackson si trasferì a Denver dove avviò un’attività di successo nel campo della fotografia chiamata “Jackson Photography Company”. Lì aveva un grande staff che includeva una stampante, un editore, un correttore di bozze e due addetti alla reception. Nei successivi quindici anni realizzò più di 30.000 negativi ferroviari. Ha anche pubblicato libri, poster e molti altri materiali legati alla fotografia come cartoline e stereo.

Un treno su un ponte a Buena Vista, Colorado. Fotografia di William Henry Jackson.

Viaggia anche all’estero. Dal 1894 al 1896 fu con il World Transportation Committee dove divenne noto come il “Great American Ambassador”, scattando numerose fotografie nel Vicino ed Estremo Oriente, Australia, Cina e Siberia/Russia.

Foto panoramica di Denver nel 1898 dalla Library of Congress. Fotografia di William Henry Jackson.
Un mercato di strada a Città del Messico nel 1884 o 1885. Fotografia di William Henry Jackson.
Il villaggio di Goldi nella Russia sudorientale nel 1895. Fotografia di William Henry Jackson.

Nel 1897, Jackson accettò un’offerta dalla Detroit Publishing Company, un importante produttore di cartoline e apparecchiature stereofoniche, per diventare uno dei principali azionisti e direttore. La Detroit Publishing Company ha attinto dalla sua collezione di 40.000 negativi per vendere circa 7 milioni di immagini all’anno. Per la maggior parte del tempo, Jackson è stato il direttore della produzione, il che gli ha lasciato poco tempo per viaggiare. Mantenne questa posizione fino al 1924, quando aveva 81 anni.

Le immagini di Detroit sono ora divise tra la Library of Congress e la Colorado Historical Society. La maggior parte di queste immagini sono attualmente disponibili online presso la Library of Congress.

William Henry Jackson su un treno speciale per la Detroit Photographic Co. nel 1902.

Il Ministero dell’Interno lo assunse nel 1935 per dipingere quattro grandi murales raffiguranti scene degli Haydn Surveys dal 1870 al 1880 per il nuovo edificio del Ministero degli Interni.

vita successiva

Durante la sua lunga carriera di quasi 90 anni, Jackson ha fotografato e dipinto molti soggetti e scene che ora sono parte integrante della nostra visione e comprensione del West americano.

la sua biografia, esposizione al temposono ancora disponibili.

Uno dei suoi ultimi lavori è stato quello di consulente tecnico per il film “Via col vento”. Con una lunga lista di esperienze risalenti alla Guerra Civile e prima, e una vasta collezione di foto, foto e dipinti, probabilmente non c’era nessuno più qualificato per il lavoro.

Dipinto di William Henry Jackson.

Nel 1941, Jackson fu intervistato sulla sua esperienza di vagabondare nel selvaggio West come fotografo.

Jackson morì nel 1942 all’età di 99 anni e fu sepolto nel cimitero nazionale di Arlington. Ora è nella International Photography Hall of Fame che ha fornito alcune informazioni per questo articolo. Ci sono molte informazioni disponibili da una varietà di fonti, inclusa la sua biografia, per coloro che sono interessati a un fotografo e uomo d’affari davvero importante e a una storia accurata del Vecchio West.

Quelli di noi che hanno seguito le tracce di William Henry Jackson e di altri fotografi pionieri sono ancora sbalorditi dalla perseveranza e dal puro sforzo che questi primi fotografi hanno dimostrato per ottenere queste immagini meravigliose. Ora possiamo viaggiare in queste stesse località su strade asfaltate in veicoli moderni e utilizzare moderne fotocamere digitali ad alte prestazioni che offrono immagini ancora migliori rispetto alle lastre di vetro 20×24 che Jackson usava a volte.

Non dobbiamo sentirci in colpa per quanto sia facile ottenerlo oggi, dobbiamo sentirci grati e grati per quei fotografi pionieri che sono venuti prima di noi.


Per ulteriori informazioni e riferimenti, ecco alcune delle risorse utilizzate in questo articolo:

C’è anche un articolo completo su William Henry Jackson su Wikipedia.

Leave a Comment