Think Outside the Box With Luminar Neo

Giunto al suo settimo anno e incarnazione come Luminar Neo, il software di editing di Skylum può soddisfare le esigenze di alcuni fotografi come app standalone o come plug-in per Photoshop e Lightroom. Ma cosa succede se vuoi spingere i limiti della tua creatività con esso? Questo è il momento in cui devi pensare fuori dagli schemi.

Quando si tratta di fotoritocco, ognuno ha il proprio software preferito e ce ne sono moltissimi là fuori. Puoi scegliere di pagare un abbonamento mensile o acquistare un prodotto standalone, quello che meglio si adatta alle tue esigenze. Ognuno ha i suoi avvertimenti, sia che si tratti dell’abbonamento a rotazione menzionato sopra o forse di una gamma leggermente limitata di possibilità di modifica. Luminar Neo può fare molto con le tue foto e non ha una curva di apprendimento ripida a differenza di altri programmi, quindi puoi ottenere i risultati finali in tempi relativamente brevi.

Luminar Neo non è sul mercato per competere con artisti del calibro di Photoshop o Lightroom, sebbene abbia molte delle stesse funzionalità e alcune no. Alcuni cursori sono programmati in modo tale che una semplice regolazione possa applicare nitidezza, contrasto e bilanciamento del colore. Potrebbe piacerti o meno, ma ci sono molte persone là fuori che vogliono risultati veloci e fair play con loro. È qualsiasi processo che ti fa godere di più la fotografia.

Lavorare con i livelli

Luminar Neo è costantemente aggiornato e ora siamo alla versione 1.0.7, con più funzionalità aggiunte e pianificazione futura per ulteriori aggiunte. Poiché è principalmente un editor di immagini, il che significa che apri il tuo file non elaborato e lo manipoli come faresti normalmente, ha anche una funzionalità di livello in modo da poter aggiungere altro alla modifica grezza tramite questi livelli, ma solo sopra l’immagine originale, e questo può essere alquanto limitato a seconda di ciò che stai cercando di creare. Quindi, e se potessi batterlo?

In questo articolo, ti mostrerò rapidamente come farlo e ti darò anche istruzioni su cosa non dovresti fare per risparmiare dolore dopo aver creato la mod, solo per vederla scomparire davanti ai tuoi occhi.

Pensa fuori dagli schemi

Poiché la sua funzione principale è quella di modificare le fotografie e qualsiasi immagine che apri è bloccata nella parte inferiore del pannello Livelli e non può essere sbloccata, come fai a sbloccarla così puoi? Bene, puoi semplicemente aggiungere uno strato di base grigio, come lo chiamerò.

Pensa a questo livello come alla tua tela bianca. La tua tela non può mai essere spostata, ma puoi aggiungere più livelli sopra di essa e riorganizzarli in qualsiasi ordine per ottenere l’immagine finale. Uso il grigio come livello di base a causa dei metodi di fusione durante la composizione in Photoshop, ma puoi anche usare un’immagine; Dipende interamente da te.

Se decidi di utilizzare un’immagine che non utilizzerai per nient’altro, ti consiglio di impostare l’immagine su nero, bianco o grigio tramite l’esposizione e altre impostazioni in modo che il livello di base sia piatto e privo di qualsiasi colore, poiché ciò influiscono su alcuni metodi di fusione che probabilmente utilizzerai in seguito. Sarà anche il colore di sfondo se scegli di utilizzare Maschera AI sul livello sopra per isolare un soggetto. Ricorda, tuttavia, che puoi modificarlo in qualsiasi momento durante il processo di modifica tramite il pannello Modifiche sul lato destro. Innanzitutto, seleziona il livello, quindi vai al pannello delle regolazioni per apportare le modifiche, quindi riprendi la modifica.

Con l’aggiunta del livello grigio, ora puoi modificare l’immagine nel modo desiderato e sei libero di riorganizzare i livelli dell’immagine, utilizzare Mask AI per isolare oggetti o persone e aggiungere tutti i livelli che desideri per creare le tue immagini.

Cosa considerare?

Una delle considerazioni principali che devi tenere a mente quando crei questo tipo di immagine sono le opzioni di fusione che utilizzerai. Questo dipende da cosa c’è sotto il livello a cui hai applicato la fusione del livello, poiché legge tutte le informazioni per quei livelli. A questo punto potresti voler cambiare il colore del livello grigio con un altro colore.

Per l’immagine qui sotto, in realtà non avevo bisogno del livello di base grigio, ho lasciato intatto lo sfondo del secondo livello e ho utilizzato i metodi di fusione dello schermo sui livelli sopra per ottenere l’effetto finale. Tuttavia, con un livello di base grigio volevo aggiungere uno sfondo a questa immagine dietro la ragazza, potevo usare Mask AI per selezionarlo e quindi aggiungere un livello immagine sotto di esso. Questo è il motivo per cui è una buona idea iniziare con un livello di base grigio, nel caso in cui cambiassi idea durante la modifica.

Cosa può andare storto?

Come con tutti i software, ci sono molte cose che possono andare storte con il processo di modifica. Due di loro che ho scoperto attraverso tentativi ed errori basati su quanto sopra sono:

  • Non aggiungere un preset una volta completata la modifica. Luminar Neo costruisce il preset sul livello base, in questo caso il grigio, non le regolazioni finali. Pertanto, tutto il lavoro che hai inserito nell’immagine scompare davanti ai tuoi occhi e torna al livello di base con il preset applicato.
  • La soluzione è salvare l’immagine come JPEG e quindi reimportarla per applicare il preset. Luminar 4.3 è stato in grado di condensare tutte le modifiche in un unico livello, quindi forse questa sarà una funzionalità nelle versioni future.
  • Crea diversi livelli grigi o di base con nomi diversi: gray1.jpg, gray2.jpg, ecc. La ragione di ciò è che Luminar memorizza nella cache l’immagine in modo che quando inizi una nuova modifica con il nome Gray1.jpg in precedenza, apra quell’immagine per rivelare l’ultima immagine che hai modificato. Sì, potrebbe sembrare logico, e lo fa, ma ti sto solo rendendo consapevole di una soluzione alternativa creando più livelli con nome grigio.
  • La soluzione a questo sarebbe un possibile aggiornamento per includere una nuova funzione di creazione di documenti, simile a Photoshop e altri programmi di modifica delle immagini.

Come puoi vedere nell’immagine sopra, quando ho eseguito per la prima volta questo tipo di modifica e rimosso tutti i livelli, tranne la base, per creare un’altra modifica, i passaggi di modifica per questo sono andati persi. Fortunatamente, ho esportato prima il file JPEG finale.

conclusione

Luminar Neo non è un editor di composizione, sebbene abbia livelli, quindi alla fine ha i suoi limiti quando si cerca di fare questo tipo di lavoro. In effetti, si è rotto quando stavo ritagliando i dettagli più fini dell’auto quando è stata ingrandita. Per me, questo non mi ha infastidito, perché è un editor di foto. È divertente vedere cosa può fare il software per te e le tue foto e, a volte, devi pensare fuori dagli schemi per ottenere i risultati che stai cercando.

Spero che questo processo di pensiero e questo esempio ti permettano di spingere Luminar Neo e possibilmente creare immagini che normalmente non faresti.

Leave a Comment