The Two Most Important Traits of a Landscape Photographer

Questo articolo discute due qualità di cui hai bisogno come fotografo paesaggista se vuoi scattare foto fantastiche. E non sto parlando di un buon occhio per la composizione, l’amore per la vita all’aria aperta o un livello di forma fisica adeguato per entrare nei punti fotografici che vuoi scattare. Anche quelli sono importanti. Ma ci sono due caratteristiche principali di cui hai bisogno come base.

Diamo un’occhiata a una foto che ho scattato durante l’autunno dello scorso anno. È una delle mie foto preferite della foresta, che mostra un albero unico circondato da una nebbia fine e dai colori autunnali perfetti. La ciliegina sulla torta è la luce che brilla attraverso la nebbia in lontananza. Vivere questo momento fugace che è durato non più di due minuti è stato uno dei momenti salienti delle mie foto dell’ultimo anno.

Ora la domanda: quali sono le due caratteristiche che mi hanno permesso di scattare questa foto? La storia inizia nel 2018 quando vidi la prima foto di questo albero, scattata da un altro fotografo. Questo fotografo vive nella zona in cui sono cresciuto, che è ciò che mi ha dato un’idea iniziale di dove si trova questo albero. Pertanto, da allora, ogni volta che visito mio padre, vado anche nella foresta a cercarlo. Inoltre, ho continuato a cercare indizi su dove si trovasse mentre vedevo altre sue foto. Di solito non sono io a chiedere le posizioni. È più divertente scoprirli da solo.

E nell’autunno del 2019, è finalmente giunto il momento. Stavo esplorando una bellissima foresta di faggi e all’improvviso eccola lì, l’albero che sembrava Ent, avvolto nella nebbia, che bellezza. Ma le foglie erano già cadute e, nonostante il bel soggetto, non sono riuscito a fare una bella foto. Non fraintendetemi: mi è piaciuto il risultato che ho ottenuto. L’atmosfera cupa del mattino si adatta bene al soggetto, risultando in un’immagine increspata.

Ma ora che ho visto questo albero, sapevo che potevo fare di meglio. C’erano più angoli da esplorare e volevo assolutamente vederli in diverse stagioni e condizioni meteorologiche per determinare quali colori e illuminazione si sarebbero adattati meglio a loro. Nei due anni successivi, sono tornato ancora e ancora. Ma non ho ottenuto le condizioni che stavo cercando, quindi la maggior parte delle volte non ho fotografato questo albero e mi sono concentrato su altri soggetti.

Nell’inverno 2020 l’ho riprovato. Una forte nevicata ha creato la scena di una fiaba e penso di aver ottenuto un buon risultato. Ma mentre rimasi al freddo gelido per alcune ore al mattino e poi di nuovo alla sera, sperando disperatamente che il sole facesse breccia tra le nuvole, sapevo già che non era quello che volevo.

Con l’inizio della primavera, ho fatto delle incursioni in questa foresta, ma non sono stato così fortunato con la nebbia. Quindi quei viaggi erano principalmente per una maggiore esplorazione e meno per la fotografia. Poi, nell’autunno del 2021, pochi giorni dopo aver lasciato il mio lavoro di ingegnere del software per iniziare a viaggiare e fotografare a tempo pieno, ho visitato di nuovo Ent.

I colori dell’autunno erano perfetti, con la giusta quantità di foglie d’arancio lasciate sull’albero. Inoltre c’era di nuovo la nebbia. Ora l’unico componente mancante è la luce direzionale. Sono andato all’albero, mi sono messo giù, ho sistemato la mia composizione e ho aspettato. Dopo 90 minuti, è diventato improvvisamente più luminoso quando le nuvole e la nebbia hanno iniziato a diradarsi. Poi, per meno di due minuti, il sole ha illuminato la foresta. Era come se qualcuno avesse posizionato un enorme petto morbido davanti al sole, emanando alla luce una qualità eterea. Finalmente ho catturato la foto che ho cercato di catturare per due anni, quella che sto mostrando all’inizio di questo articolo.

Perseveranza e pazienza

Ora, quali sono i due tratti che mi hanno aiutato a ottenere lo scatto? La prima qualità è la persistenza. Devo essere tornato in questa foresta 15-20 volte da quando l’ho scoperta per la prima volta. Tornare alla posizione della foto e perseverare fino ad ottenere il risultato percepito è essenziale se si vuole scattare una foto speciale. Lo stesso vale per il secondo tratto, che è la pazienza. Senza di esso, non sarei stato lì sotto la pioggia per 90 minuti, ad aspettare la luce che forse non sarebbe uscita dalle nuvole. Avevo aspettato invano durante diverse visite precedenti.

Ma la pazienza va oltre. Spesso, devo essere paziente per anni per poter scattare una foto. Durante il mio primo viaggio in Nuova Zelanda, sono andato al Tongariro National Park. Il mio piano era quello di fotografare il lago Tama inferiore con il monte Ruapehu sullo sfondo. Ma durante i giorni che abbiamo passato in zona, il tempo era così brutto che non riuscivo nemmeno a vedere le montagne intorno a me. Mentre continuavamo i nostri viaggi, avevo programmato di tornare un giorno, quindi con più tempo e flessibilità, per poter pianificare la mia visita in base alle previsioni del tempo. Dato che la Nuova Zelanda è dall’altra parte del mondo, di certo non era un posto in cui potevo tornare molto presto. Quindi, ho aspettato pazientemente e ho risparmiato i soldi necessari per il viaggio di ritorno. Diversi anni dopo, durante i miei viaggi in giro per il mondo nel 2016, ho finalmente potuto visitare per la seconda volta il Tongariro National Park. E in questa occasione, ho avuto le circostanze che vorrei trovare.

Ora, mi rendo conto che l’esempio con l’immagine dalla Nuova Zelanda potrebbe essere un po’ estremo. Oltre alla pazienza e al tempo, ci sono state anche spese pesanti. Sono contento di aver avuto una seconda possibilità, ma so anche che potrei non essere sempre in grado di tornare al sito delle foto. Ma per me va bene anche non sparare di tanto in tanto. I successi sembrano più dolci dopo.

Alla fine del video in primo piano sulla pazienza, mostro qualche altra foto in cui ho dovuto aspettare molto tempo per poterle scattare. Se anche tu hai queste immagini nel tuo portfolio, sentiti libero di condividerle con una piccola storia nei commenti qui sotto.

Leave a Comment