Sony 10-20mm f/4 G, 15mm f/1.4 G, and 11mm f/1.8 Review: All Good Here

È il 2022 e sembra che sia ora che APS-C brilli. Con Canon che mostra ciò che hanno preparato e Fujifilm che ha fatto un grande annuncio, Sony oggi offre altre tre opzioni di obiettivi APS-C grandangolari: 10-20 mm f/4 PZ G, 15 mm f/1.4 G e 11 mm f/1.8.

Sony E 10-20mm f/4 PZ G

Qualità di costruzione

In apparenza, l’obiettivo Sony 10-20mm f/4 PZ G dà decisamente l’impressione di essere un nuovo obiettivo Sony. Per le sue dimensioni ridotte, circa 2,5 pollici (64 mm) per 2,16 pollici (54 mm), ci sono molti extra sul lato tra cui un pulsante dello zoom motorizzato, un pulsante programmabile e un interruttore della modalità di messa a fuoco. La messa a fuoco in plastica in miniatura e gli anelli dello zoom hanno una rotazione infinita e sono piacevoli in movimento, ma l’aggiunta di un po’ di gomma avrebbe fatto molto per renderlo più distinto. Fortunatamente, l’obiettivo non si espande di dimensioni quando si ingrandisce.

Obiettivo Sony 10-20 mm f/4 PZ G.

Sony afferma che il 10-20 mm f/4 PZ G non è solo il più piccolo obiettivo ultragrandangolare APS-C, ma anche il 46% più leggero dei concorrenti. Con un peso di 6,2 once (175 grammi) e abbinato a una fotocamera compatta come la Sony ZV-E10, il pacchetto complessivo è estremamente pratico per i viaggi. Durante le escursioni con questo set, spesso lasciavo la fotocamera in mano per miglia alla volta perché mi sentivo più preoccupato di riporla nella borsa piuttosto che continuare a portarla in giro.

Obiettivo Sony 10-20 mm f/4 PZ G.

Sebbene l’elemento anteriore sia bulboso, l’obiettivo accetta comunque filtri da 62 mm. Sul retro è presente una sottile guarnizione in gomma per fornire una certa protezione contro la polvere e l’umidità che raggiungono il punto di montaggio.

qualità dell’immagine

All’interno, l’obiettivo 10-20 mm f/4 PZ G utilizza due elementi a bassissima dispersione e un elemento asferico a bassissima dispersione. Dei tre nuovi obiettivi annunciati oggi, questo obiettivo sembra avere le migliori prestazioni in termini di scatti in controluce. Il riflesso dell’obiettivo è pulito, anche se possono ancora apparire punti colorati. Mantengono bene il contrasto e non ci sono frange cromatiche facilmente visibili ai bordi ad alto contrasto.

Immagine campione Sony 10-20 mm f/4 PZ G.
Girato a 15 mm.
Immagine campione Sony 10-20 mm f/4 PZ G.
Girato a 10 mm.

Testando la nitidezza di 10 mm al centro, ho scoperto che l’ampia apertura a f/4 andava bene, fermandosi a f/6.3 si mostrava al meglio e a f/9 quando l’immagine iniziava a perdere chiaramente la sua nitidezza. Negli angoli, è stato uno stop singolo a f/5.6 che sembrava più nitido.

Data la nitidezza di 20 mm al centro, f/4 era un miglioramento rispetto a quanto visto a 10 mm, f/6.3 era ancora il migliore, abbassato a f/13 quando l’immagine iniziava ad ammorbidirsi. Gli angoli erano interessanti perché sembrava che più chiusa fosse l’apertura, più morbida diventasse. A differenza degli altri due nuovi obiettivi odierni che si fermano solo a f/16, l’obiettivo 10-20 mm può fermarsi fino a f/22.

Immagine campione Sony 10-20 mm f/4 PZ G.
Scatto a una distanza di 10 mm con una distanza minima di messa a fuoco.
Immagine campione Sony 10-20 mm f/4 PZ G.
Scatto a una distanza di 20 mm con una distanza minima di messa a fuoco.
Immagine campione Sony 10-20 mm f/4 PZ G.
Girato a 10 mm da un braccio remoto in stile vlog.
Immagine campione Sony 10-20 mm f/4 PZ G.
Girato a 20 mm a distanza di un braccio in stile vlog.

La distanza minima di messa a fuoco è di pochi pollici dalla parte anteriore dell’obiettivo e misura 5,11 pollici (0,12 mm) a 10 mm e 6,69 pollici (0,16 mm) a 20 mm. Questo può creare degli sguardi interessanti grazie all’angolo di visione ultra grandangolare mantenendo la messa a fuoco sugli oggetti vicini. Quando si scatta con un’apertura ampia a f/4 come questa, c’è anche la possibilità di separare il soggetto dalla profondità di campo.

Sony E 15mm f/1.4G

Qualità di costruzione

Se dovessi scegliere quale di questi nuovi obiettivi sembra più distinto, il Sony E 15mm f/1.4 G sarebbe il mio obiettivo. Misura circa 2,5 pollici di diametro e 2,73 pollici di lunghezza. È un obiettivo primario piccolo e stretto pur vantando un’apertura f/1.4.

Obiettivo Sony 15mm f/1.4G.

Oltre all’anello di messa a fuoco in plastica, l’obiettivo dispone anche di un anello del diaframma, un interruttore di annullamento dell’apertura, un pulsante programmabile e un interruttore della modalità di messa a fuoco. L’anello di messa a fuoco si sente bene durante la rotazione, ma avrebbe potuto essere migliorato con un anello in gomma anziché in plastica. L’anello del diaframma durante il de-click ha una migliore scorrevolezza rispetto all’anello di messa a fuoco.

L’obiettivo pesa 7,7 once (218 grammi) ed è un po’ più pesante del 10-20 mm, ma sarà molto migliore per lavorare in scenari di scarsa illuminazione grazie all’apertura massima f/1.4. Se abbinato al Sony ZV-E10, il set si adatta bene alle dimensioni ed è facile da trasportare per lunghi periodi di tempo.

Obiettivo Sony 15mm f/1.4G.

Obiettivo Sony 15mm f/1.4G.

L’elemento frontale sporge leggermente, ma l’obiettivo funziona con filtri da 55 mm. Sul retro è presente una sottile guarnizione in gomma per fornire una certa protezione contro la polvere e l’umidità che raggiungono il punto di montaggio.

qualità dell’immagine

All’interno dell’obiettivo da 15 mm f/1.4 G, vengono utilizzati tre elementi asferici all’interno della formula ottica per aiutare a mantenere la nitidezza nell’immagine. Nel mio test della nitidezza centrale, ho visto che l’ampia apertura a f/1.4 andava bene, la bassa a f/3.5 era la migliore e infine a f/11 quando c’era un evidente ammorbidimento dell’immagine dovuto all’imbardata. Guardando gli angoli, f/5.6 era il più nitido.

Una tipica foto Sony 15mm f/1.4 G.

Una tipica foto Sony 15mm f/1.4 G.

Una tipica foto Sony 15mm f/1.4 G.

Uno svantaggio dell’apertura di 15 mm f/1.4 G è la quantità di riflesso dell’obiettivo con sorgenti di luce intensa. Sospetto che non ci sia molto da fare nell’ottica per impedirlo, poiché quasi ogni forma e colore sembra apparire attraverso l’inquadratura. Per la fotografia di paesaggio, non sono sicuro che questo sia l’obiettivo che voglio acquistare perché ci saranno molte esposizioni separate in corso per controllarlo e quindi comporre insieme. Tra i lati positivi, le frange colorate sui bordi ad alto contrasto non sembrano disturbare molto l’obiettivo.

Questo obiettivo è dotato di un’apertura a sette lame ed esegue la scansione di aree non focali dell’immagine che possono apparire un po’ occupate. La distorsione a barilotto di questo obiettivo grandangolare si traduce anche in sfere bokeh a forma di occhio di gatto che ruotano attorno al centro dell’inquadratura. Questo è il look che personalmente mi piace su qualcosa di un po’ più igienizzato, ma non è una tazza di tè per tutti.

Una tipica foto Sony 15mm f/1.4 G.
Girato a un braccio di distanza in stile vlog.

La distanza minima di messa a fuoco per questo obiettivo è 7,87 pollici (0,2 metri) in AF o 6,69 pollici (0,17 metri) nella messa a fuoco manuale. Ad ogni modo, a questo scopo, consentirà una buona separazione se utilizzato in combinazione con l’apertura rapida f/1.4 e fornirà comunque un ampio angolo di visione.

Sony E 11mm f/1.8

Qualità di costruzione

L’ultimo è l’obiettivo da 11 mm f/1.8 ed è l’unico obiettivo del trio che non riceve una valutazione Sony G.

Obiettivo Sony 11mm f/1.8.

Rispetto al 15mm f/1.4 G sopra, manca principalmente la ghiera diaframma e l’interruttore diaframma de-click, altrimenti mantiene tutto il resto all’esterno. C’è ancora un utile pulsante programmabile e un interruttore della modalità di messa a fuoco. L’anello di messa a fuoco è in plastica e ha un buon slittamento, ma rispetto al 15mm è più grintoso, soprattutto in fase di avvio e arresto.

Questo obiettivo misura circa 2,5 pollici di diametro e 2,26 pollici di lunghezza. È sorprendentemente compatto considerando il suo ampio angolo di visione e la rapida apertura f/1.8. A 6,3 once (178 grammi), ha all’incirca lo stesso peso del 10-20 mm f/4 mostrato sopra. È stato facile da mettere in valigia nella mia borsa da picnic o da trasportare per lunghe distanze grazie alla sua natura compatta.

Obiettivo Sony 11mm f/1.8.

L’elemento anteriore è a bulbo, ma è ancora possibile applicare filtri da 55 mm. Il lato dell’innesto dell’obiettivo ha una guarnizione in gomma per un certo livello di protezione da polvere e umidità dagli elementi che vi arrivano.

qualità dell’immagine

Proprio come l’obiettivo 15 mm f/1.4 G, questo obiettivo contiene anche tre elementi asferici all’interno della formula ottica per estendere la nitidezza da un angolo all’altro. Testando 11mm f/1.8 per la nitidezza centrale, ho scoperto che f/1.8 può essere un po’ morbido ma vede un buon miglioramento a f/2.5. Fermarsi a f/5 era il più nitido e a f/9 era il punto in cui l’obiettivo iniziava ad ammorbidirsi. Nell’angolo ho visto che più il buco era chiuso, più diventava morbido. Ancora una volta, come promemoria, questo obiettivo e la sua apertura di 15 mm f/1.4 G possono reggere fino a f/16.

Esempio di foto Sony 11 mm f/1.8.

Esempio di foto Sony 11 mm f/1.8.

Esempio di foto Sony 11 mm f/1.8.

Anche questo obiettivo sembra avere la sua giusta dose di bagliore. Non credo che ci sia molto all’interno dell’obiettivo per evitare che ciò accada e in alcuni casi può attirare completamente l’attenzione di una foto. I fotografi paesaggisti che catturano molto il sole vorranno essere consapevoli di questo problema perché superarlo ne terrà conto.

L’obiettivo da 11 mm f/1.8 ha un’apertura a sette lame, ma con quell’ampio angolo di campo, ritengo che il problema qui sia meno problematico rispetto all’apertura da 15 mm f/1.4. Le aree non a fuoco sono moderatamente occupate ma sono difficili da notare a meno che non si riprenda da vicino per ottenere questo tipo di effetto di profondità di campo.

Esempio di foto Sony 11 mm f/1.8.
Scatto da distanza di messa a fuoco ravvicinata.
Esempio di foto Sony 11mm f/1.8.
Girato a un braccio di distanza in stile vlog.

Con una distanza di messa a fuoco di almeno 4,72 pollici (0,12 metri), ciò consente immagini ravvicinate interessanti con un aspetto ultra grandangolare. L’apertura f/1.8 va bene per esporre più luce sul sensore, ma ancora una volta, l’effetto di profondità di campo che crei non sarà evidente.

Il futuro è ampio

Il mondo di APS-C si sta muovendo lentamente ormai da un po’ di tempo, quindi è un po’ strano che quando il movimento viene catturato su Sony, sia sotto forma di tre obiettivi abbastanza simili. Non sono sicuro del motivo per cui la società avrebbe scelto di rilasciare tutti e tre questi ora, ma devo ammettere che non è male avere delle opzioni. L’obiettivo 15mm f/1.4 G ha la migliore qualità d’immagine complessiva, il 10-20mm ha tutta la versatilità e l’11mm sarà più economico o più largo in confronto.

Esempio di foto Sony 11 mm f/1.8.
Scatto con una fotocamera Sony 11mm f/1.8.

Ci sono alternative?

Prima che Sony annunciasse il 10-20 mm f/4 PZ G, la società aveva anche un 10-18 mm f/4 OSS nella gamma e ha ormai quasi un decennio. L’unico punto luminoso di questo obiettivo 10-20 mm è la stabilizzazione dell’immagine SteadyShot ottico, altrimenti sarebbe una scelta facile.

Un’alternativa al Sony 15mm f/1.4 G sarà il Sigma 16mm f/1.4 DC DN Contemporary. Rimuove tutti gli extra visti su Sony, ma ti porta fino a f/1.4 all’incirca alla stessa lunghezza focale. Sbarazzarsi delle funzionalità extra lo renderà anche meno costoso.

Il Sony 11mm f/1.8 può essere paragonato all’obiettivo Rokinon 12mm f/2 AF. È ancora un obiettivo ultra grandangolare con un’apertura più rapida, ma tralascia alcune delle caratteristiche esterne di Sony.

Dovresti comprarlo?

sì. Dati i prezzi di questi obiettivi, mi aspettavo una migliore soppressione del riflesso, ma nel complesso non posso dire che rovinino l’affare. Si tratta di obiettivi ragionevolmente nitidi che si espandono ma non vengono distorti in modo significativo. Soprattutto, sono veri design APS-C che influiscono sulla portabilità tanto quanto sulla qualità dell’immagine.

Leave a Comment