Natural Light vs. Strobes: Everything They Say is a Lie

Durante i periodi bui della fotografia digitale, ovvero i primi anni 2000, passavo molto tempo a cercare di far funzionare il mio Speedlite Canon 430EX come flash esterno alla fotocamera. Ovviamente, gli Speedlite, in base alla progettazione, non sono mai stati pensati per essere utilizzati in questo modo.

Avresti dovuto vederlo: PocketWizards è stato fissato a più supporti per cold shoe con un umidificatore RF per ridurre le interferenze radio e cavi ovunque. Per quanto brutto e precario si sia rivelato il mio rig, dovevi vedere la mia faccia quando ho scattato il mio primo scatto OCF in una sessione di ritratti all’aperto: pura, pura gioia. Non sarò più in balia degli elementi, sono stato il maestro di luci e ombre! Così la mia ossessione iniziò a lampeggiare.

Come molti tiratori in erba, ho presto iniziato ad allinearmi ai “veri” professionisti, quelli che usano i flash, cioè. Immagina un fotografo in erba rotto, che usa un dispositivo montato su una barra come l’equipaggio di Gandalf the Grey, che guarda con il naso le masse non lavate. Che asino.

Come molti di noi, sono arrivato in un’industria (anzi, uno scienziato) che cerca costantemente di riunire persone in piccole tribù. È così che ci sentiamo riguardo ai cavi. Pellicola contro digitale, Nikon contro Canon, primo piano contro teleobiettivi, sono tutti una distrazione costruita su un errore logico: lo pseudo-doppio. Nero o bianco, buono o cattivo, falso binario (o falsa dicotomia) è un errore logico basato sull’idea che una delle opzioni limitate deve essere vera.

Alla fine, però, la premessa è una bugia.

Ecco una bugia per te: i tiratori di luce naturale sono principianti che hanno solo paura di imparare a usare una torcia. Eccone un altro: gli strobisti sono elitari, guardiani, antiche scorregge lontane dalla fotografia moderna. Pensieri del genere suonano davvero stupidi quando li dici ad alta voce, ma è così che molti di noi agiscono l’uno verso l’altro.

In momenti diversi della mia carriera, ho creduto in diverse versioni di queste due bugie, ognuna progettata per proteggere il mio fragile ego. Tutto quello che faccio dovrebbe sicuramente essere il modo giusto per farlo, giusto? Se non ci credessi, potrei non avere il coraggio di portare la mia arte nel mondo e provare a venderla. Guardando indietro, non c’è mai stato un momento nella mia carriera in cui non fossi più ignorante di quanto pensassi.

Quello che ottengo qui è che ognuno di noi ha molto da imparare e voglio condividere con voi parte di ciò che ho imparato. Avendo trascorso la mia carriera passando dalla luce naturale, alle riprese in esterni, al fotografo di location con flash fuori dalla fotocamera, al fotografo in studio dedicato, posso dirti che c’è un modo migliore per capire il problema.

C’è un po’ di verità in ogni bugia

La luce naturale è da dove la maggior parte di noi inizia, giusto? Hai una fotocamera e il mondo intorno a te da esplorare. Come molti di voi, ho passato il tempo a fotografare i miei amici, animali domestici e tutto ciò che è successo nel mio giardino (caro, signore, tante foto di fiori).

La verità è che non avevo paura di scattare con i flash, ero così all’oscuro che non potevo dirti esattamente cosa fossero i “stroboscopi”. Tutto quello che sapevo era che mi piaceva fare foto e pensavo di essere abbastanza bravo. Più tardi, quando mi stavo preparando con i flash, ci sono state scene che ho girato con una luce naturale perfetta che ho rovinato facendole esplodere con i flash perché pensavo che fosse il modo in cui i veri professionisti fanno le cose.

In ogni caso, gli stereotipi erano parzialmente corretti. Alla fine, come tutti noi, ero in viaggio.

Il vero problema qui è lo stile

I fotografi esperti ti diranno che il vero stile richiede molto tempo per svilupparsi e non è sempre una decisione consapevole. Lo stile si espande e cambia nel tempo man mano che si acquisisce esperienza.

La tecnica, una vera tecnica fotografica, non nasce dal fotografare ciò che si ha a portata di mano con risorse limitate, ma piuttosto da un patrimonio di conoscenze. Lo stile è ciò che accade quando la tua creatività ha una serie di abilità da cui attingere, ma scegli costantemente alcune abilità che ti attraggono in questo momento.

Con la tecnologia odierna, puoi scegliere di girare quasi tutte le scene in vari modi, se ne hai le capacità. Qualsiasi di quelle abilità che scegli in una determinata situazione costituisce l’ossatura del tuo stile. Man mano che impari nuove abilità, il tuo stile può cambiare.

La grande fotografia nasce dall’intento, non dall’ingranaggio

L’intento è la differenza tra ottenere buone esposizioni e raccontare grandi storie. Grandi immagini iniziano nella mente dell’artista. L’intento porta il fotografo ritrattista ad aggiungere questo oggetto in più che approfondisce la narrazione. Ispira il fotoreporter a fare un passo indietro e includere quell’elemento cruciale nella composizione.

L’illuminazione modella la storia di ogni immagine tanto quanto qualsiasi altro elemento. Avvicinarsi con l’intento di raccontare una storia migliore mette la responsabilità di quella storia nelle mani del fotografo in modo molto concreto. I fotografi che praticano con questo in mente sanno la verità: sapere quando non aggiungere luce è importante tanto quanto sapere quando aggiungerla.

Qualunque siano gli strumenti che usi per modellare la luce nelle tue foto, non contano davvero. intenzione fare. flash, riflettori, lampada da tavolo; Ogni fonte di luce ha la capacità di creare o distruggere un’immagine. Spetta al fotografo controllare queste fonti per supportare la storia.

Battere è facile, ma fa male a tutti noi

Tutti sono cattivi quando iniziano e tutti sono in viaggio. Scattare foto di qualcuno a causa della sua mancanza di conoscenza, della sua età, della sua fotocamera o di qualsiasi altra cosa offenda i tuoi sentimenti sensibili proviene da un luogo di vulnerabilità. Costruire gli altri mentre lavorano per crescere, anche quando sono ignoranti, alza il livello degli affari e dell’arte della fotografia.

Anche durante i miei odiosi giorni in cui salutavo il mio gruppo di terapisti registrati, c’erano professionisti gentili e altruisti che mi ascoltavano, mi guidavano e si divertivano a vedermi crescere. Questi mentori mi hanno trasmesso la tradizione della formazione professionale che lega il nostro mestiere in un mondo di video YouTube poco profondi e workshop costosi.

La moltiplicazione è facile, motivo per cui molte persone lo fanno. Le persone con una mano ferma e una voce incoraggiante sanno cosa non sanno gli odiatori: spingere le loro sudate conoscenze, senza ambizioni, è il livello successivo della fotografia. Il livello successivo di qualsiasi cosa, davvero. Ci solleva tutti.

Tutti noi abbiamo un mestiere diverso e contraddittorio come le persone che lo praticano. Allora perché ha senso pensare di fare le cose solo in due modi? Per ogni personaggio Annie Leibovitz realizza ritratti meravigliosamente illuminati con dozzine di luci, c’è Pete Souza che trova il modo di raccontare storie incredibili in movimento con solo ciò che può tenere. Nel mezzo, ci sono un milione di noi che lavorano per capirlo mentre andiamo avanti, con l’aiuto di coloro che scelgono di sollevarci piuttosto che alzare gli occhi.

Non accettare il rumore naturale rispetto alle luci lampeggianti. Fai il tuo mestiere, sii di mentalità aperta e impara tutto ciò che puoi. Non si sa mai, questo ragazzo che è stato registrato con un lampo all’estremità di una bacchetta potrebbe capire alcune cose alla fine. Con un piccolo aiuto, ovviamente.


Crediti immagine: Foto d’archivio da Depositphotos

Leave a Comment