Modular and Versatile: We Review the H&Y RevoRing Swift Filter System

L’utilizzo di filtri per qualsiasi tipo di fotografia e cinematografia è sempre stato un processo aggiuntivo da considerare. Questo nuovo sistema di filtraggio di H&Y potrebbe essere il più innovativo di sempre.

Negli ultimi cinquant’anni circa, H&Y è noto per essere uno dei marchi più audaci sul mercato. Il marchio ha fatto scalpore per la prima volta quando ha rilasciato il suo primo sistema di portafiltri magnetici, la serie H&Y K, che abbiamo recensito un paio di anni fa. Questo sistema di filtri non solo ha fornito un modo unico per installare i filtri, ma ha anche offerto all’utente il massimo in termini di efficienza nell’installazione e sostituzione di più filtri tra uno scatto e l’altro.

Nel 2020, il marchio ha anche rilasciato RevoRing che ha eliminato il fastidio di dover avere più dimensioni degli stessi filtri per adattarsi a obiettivi di dimensioni diverse. Il RevoRing è offerto non solo come adattatore, ma come filtro quasi universale per adattarsi a una gamma di dimensioni di obiettivi. Questo nuovo sistema di filtri combina le innovazioni del sistema di filtri RevoRing e della serie K in un sistema che porta la praticità, l’efficienza e la versatilità dei filtri sia per la fotografia che per i video a un livello completamente nuovo.

H&Y RevoRing Swift

Il sistema Swift è costituito da una varietà di componenti modulari che creano un sistema portafiltri su misura per le esigenze dell’utente. I portafiltri convenzionali hanno spesso fessure fisse per filtri rotondi e/o quadrati che possono essere lasciati come uno spazio vuoto soggetto a abbagliamento quando non vengono utilizzati. I vecchi sistemi di filtri possono anche limitare il numero di filtri in uso contemporaneamente, oltre a rendere impossibile il montaggio di altri accessori come copriobiettivo o scatole matte. Il nuovo sistema H&Y RevoRing Swift offre più opzioni per l’innesto dell’obiettivo, più opzioni per l’utilizzo di filtri ND, nonché per l’utilizzo di filtri quadrati e altri accessori.

Per comprendere meglio il sistema, scomponiamolo in 3 livelli:

Base / Montaggio

Il sistema ha due modi principali per montare gli obiettivi. La prima è la base della diversità che è RevoRing stesso. Il livello di base può essere un convertitore RevoRing nudo (senza filtro), un RevoRing VND + CPL o un RevoRing CPL. È possibile utilizzare uno strato intermedio aggiuntivo come un filtro ND magnetico a clip, un filtro a stella corta o un filtro foschia nero. Questo primo livello offre in realtà più opzioni in termini di filtri indipendentemente dal fatto che vengano utilizzati o meno livelli aggiuntivi.

Una limitazione dell’utilizzo del RevoRing come strato di base è il fatto che è necessariamente più spesso della maggior parte dei filtri, il che provoca la comparsa di piccole ammaccature su alcuni obiettivi ultragrandangolari, in particolare quelli con barilotti relativamente più grandi come il Sony 16-35mm f /2,8 GM. La vignettatura appare minima a 16 mm con RevoRing attivato, ma aumenta di dimensioni man mano che vengono installati più livelli.

Per superare questa sfida, H&Y ha anche creato la possibilità di utilizzare anelli adattatori sottili (specifici per le dimensioni) per obiettivi ultragrandangolari. Questi anelli adattatori sono anche magnetici e sostituiscono invece il RevoRing. Hanno anche realizzato anelli adattatori personalizzati per obiettivi con caratteristiche esclusive di innesto del filtro come Sony 14mm GM, Laowa 15mm f/4.5 shift lens e molti altri.

strato di ponte

Lo strato secondario viene fornito con 3 opzioni. Un anello ponte più sottile, come suggerisce il nome, collega lo strato di base allo strato accessorio anteriore, un rack per filtri drop-in che può ospitare un filtro drop-in o un filtro magnetico ND variabile disponibile in 1,5-5 stop e 6-9 ferma le variabili.

Il rack del filtro a goccia ha un coperchio rimovibile e ospita un filtro ND o ND + CPL in una sola goccia. Questo può essere utilizzato sia come primo strato per i filtri ND, sia come secondo strato se si utilizza VND sulla base. Ciò consente diversi modi per combinare e impilare filtri ND specifici per lunghe esposizioni.

D’altra parte, l’anello del ponte funge solo da punto di ancoraggio. Poiché l’uso dei magneti per il montaggio richiede compatibilità nella polarità, l’anello del ponte ha un lato che si collega alla polarità di base mentre l’altro lato si collega alla polarità del terzo strato. Gli accessori frontali realizzati per il terzo strato (portafiltro, cappuccio e custodia opaca) non sono progettati per essere montati direttamente sul supporto rendendo lo strato ponte un must.

Accessori anteriori:

Sono disponibili 3 attacchi frontali. La scatola opaca è un’ottima scelta per i registi, il paraluce pieghevole in gomma ha una varietà di applicazioni pratiche, portafiltro quadrato per filtri ND quadrati e GND.

Il portafiltro magnetico quadrato è identico alla parte anteriore del portafiltro della serie K, che ha punti di attacco magnetici per i telai dei filtri quadrati e una manopola di bloccaggio a frizione che funge da ulteriore modo per fissare il primo filtro. Proprio come la serie K, non ci sono slot fisici per i filtri, quindi non ci sono restrizioni fisiche sul numero di livelli che potresti voler usare. Tuttavia, è ovviamente importante tenere presente che più strati aumenterebbero il potenziale di deterioramento e burnout dell’affilatura.

Come accennato in precedenza, gli attacchi frontali non hanno modo di essere installati senza l’anello del ponte o il portafiltro a discesa a causa della polarità dei magneti. Ciò significa che la larghezza aggiuntiva dell’anello del ponte potrebbe causare la comparsa di vignette inutilmente. Sarebbe bello se il marchio offrisse versioni con polarità inversa degli attacchi anteriori per semplificarne l’utilizzo senza lo strato intermedio come opzione aggiuntiva per la modularità.

Applicazione

Un problema comune con la maggior parte dei sistemi di filtri sono le limitazioni su quanto può essere universale un set di filtri. Per la maggior parte del tempo, di solito è necessario disporre di un diverso set di filtri per un tipo particolare piuttosto che tutti i filtri siano utilizzabili in più applicazioni. Inoltre, ovviamente, obiettivi di dimensioni diverse possono significare gruppi separati per ciascuna dimensione o anelli adattatori separati per ciascuna dimensione. Il principale vantaggio offerto dal sistema H&Y Swift è la possibilità di utilizzare filtri e accessori indipendentemente o come componenti di una serie di filtri per quasi tutti i tipi di fotografia e il flusso di lavoro coinvolti. Elimina anche la necessità di diversi adattatori e dimensioni del filtro.

Una delle applicazioni più popolari dei filtri per scattare ritratti e flussi di lavoro simili è limitare la luce per scattare con un’apertura ampia per scurire lo sfondo quando la luce ambientale è troppo forte. Per questo, il semplice RevoRing VND + CPL è l’opzione più semplice. Alcuni fotografi possono scegliere di impostare un filtro ND variabile senza CPL, nel qual caso un convertitore RevoRing barebone più ND variabile magnetico è un’ottima opzione. D’altra parte, si può scegliere di utilizzare un filtro ND non variabile con un adattatore RevoRing o un sottile adattatore magnetico per montarlo sull’obiettivo. Tutti questi raccordi possono essere coperti con un cappuccio di gomma pieghevole, se necessario.

Alcuni flussi di lavoro fotografici richiedono filtri per ottenere il motion blur. Un esempio comune è la ripresa di soggetti in movimento all’aperto in una giornata luminosa come gli eventi sportivi. Opzioni simili sono disponibili per ottenere questo effetto dove invece di massimizzare l’apertura, si potrebbe voler essere in grado di rallentare l’esposizione per sincronizzarsi con l’azione.

Swift insieme a diverse opzioni di RevoRing offre molte app per girare video. A seconda dello scenario, i filtri RevoRing CPL o ND variabile possono risolvere alcuni dei problemi di esposizione più comuni. I filtri antinebbia corti o neri dotati di clip magnetica possono conferire ai tuoi scatti un aspetto unico. I filtri ND variabili possono essere utilizzati singolarmente o come add-on allo strato ponte per ridurre la luce. A seconda delle necessità, il regista può utilizzare un portafiltro quadrato con filtri GND o utilizzare un Mattebox.

Per la fotografia di paesaggi e altri flussi di lavoro simili a lunga esposizione, il sistema H&Y Swift offre un gran numero di combinazioni. Lo sviluppo da parte di H&Y dei filtri RevoRing e dei filtri magnetici ha consentito ai fotografi di paesaggi di utilizzare filtri ND variabili per lunghe esposizioni senza doversi preoccupare di uno strumento a polarizzazione incrociata. Questa semplice configurazione può essere utilizzata anche con un paraluce pieghevole per bloccare la luce e l’abbagliamento indesiderati, o come barriera fisica a elementi come la nebbia da forti correnti o cascate.

Lo Swift può essere utilizzato anche come sistema portafiltro quadrato completo con un adattatore RevoRing o un sottile adattatore magnetico sulla parte anteriore. Questo può essere utilizzato con i filtri a discesa del rack o con i filtri quadrati sulla staffa fissata all’anello del ponte. Ciò consente molte opzioni nella scelta e nella combinazione di filtri soprattutto per le riprese con esposizioni molto lunghe, oltre a utilizzare più GND per gestire scenari di ripresa ad alto contrasto.

Come bonus aggiuntivo, anelli adattatori dedicati per obiettivi con elementi front-end esclusivi e meccanismi di montaggio come obiettivi a focale fissa ultragrandangolari di varie marche e obiettivi Laowa Shift rendono il sistema più compatibile eliminando la necessità di filtri e attacchi speciali per un lente specifica.

Conclusione

Il sistema H&Y Swift è un’evoluzione inaspettata di uno degli strumenti più utili sia nella fotografia che nel cinema. Come qualsiasi altro equipaggiamento, l’uso e la compatibilità di alcuni filtri con obiettivi multipli presentavano limitazioni significative. Questo nuovo set di accessori è riuscito a colmare queste lacune. Inoltre, il modulo fornito da questo sistema consente un modo più efficiente di installare, rimuovere e sostituire parti specifiche per costruire l’esatta configurazione di cui l’utente ha bisogno. Sebbene il sistema H&Y Swift abbia dei limiti, è uno strumento unico che può cambiare completamente il modo in cui i progetti fotografici utilizzano i filtri.

Cosa mi piace:

  • Una varietà di componenti standard
  • raccordo magnetico
  • Molteplici applicazioni per diversi stili e tipi
  • Opzioni di montaggio alternative

Cosa si può migliorare:

  • Gli accessori frontali (portafiltro, cappa, matte box) non possono essere utilizzati senza strato di ponte
  • Incisioni vignettate su alcuni obiettivi ultragrandangolari quando montati con RevoRing

Ottieni il sistema di filtri H&Y Swift qui. (Questo è un link di affiliazione).

Leave a Comment