How Long Does Copyright Last?

La gestione dei diritti è fondamentale per i fotografi e altri creatori che desiderano proteggere il copyright delle immagini che scattano. Per quanto tempo una persona può legalmente impedire a una persona di beneficiare della sua proprietà intellettuale può essere sconcertante, poiché le disposizioni sul diritto d’autore sono cambiate più volte nel corso degli anni.

In questo articolo, spiegheremo quanto tempo impiega attualmente la protezione del copyright negli Stati Uniti.

La durata del diritto d’autore dipende da diversi fattori

Secondo lo US Copyright Office, la durata di un copyright dipende da diversi fattori, il più importante dei quali è il momento in cui l’opera creativa è stata pubblicata.

“Il termine copyright di una particolare opera dipende da diversi fattori, incluso se è stata pubblicata e, in tal caso, la data della prima pubblicazione”, spiega il sito web dell’US Copyright Office.

Il Bureau continua ad ampliare questo aspetto dicendo che se l’opera viene pubblicata dopo il 1 gennaio 1978, il termine del copyright sarà limitato all’età del titolare del copyright, più 70 anni.

Quando si tratta di opere create in modo anonimo, sotto pseudonimo o create su commissione, il termine del copyright è di 95 anni dalla data della prima pubblicazione o 120 anni dalla data di creazione, a seconda di quale evento si verifica prima.

Per i contenuti pubblicati prima del 1978, il precedente Copyright Act 1909 è un’opera protetta per 28 anni, sebbene possa essere concessa un’ulteriore proroga di 28 anni. Se non viene richiesta un’estensione, l’opera protetta da copyright diventerà permanentemente di dominio pubblico senza ulteriore protezione del copyright. C’è un’eccezione a questo, e ciò è dovuto alle disposizioni dell’Uruguay Round Agreements Act (URAA), in cui alcune opere straniere che hanno perso la protezione del copyright negli Stati Uniti a causa della non conformità possono essere ripristinate a partire da gennaio 1, 1996.

Tuttavia, il Federal Copyright Act del 1976 ha esteso il periodo di rinnovo a 47 anni. Il Congresso ha modificato la legge nel 1992, per aggiungere una clausola di rinnovo automatico, in modo che i titolari dei diritti d’autore non potessero perdere la protezione se si fossero dimenticati di richiedere il rinnovo. C’era anche il Copyright Temporary Extension Act del 1998, che ha spinto la protezione del copyright per altri 20 anni a 67. Ci sono state almeno altre nove revisioni del diritto d’autore approvate dal Congresso tra il 1909 e il 2002, per coprire altre opere intellettuali durante periodi di tempo specifici che non rientrano negli argomenti qui discussi.

Ecco una tabella utile che scompone il termine di copyright di un’opera in base a quando è stata pubblicata per la prima volta.

Durata del diritto d’autore per le opere pubblicate per la prima volta negli Stati Uniti. “pma” significa “postumo auctoris” o “autore postumo”. Tabella di Jappalang e con licenza CC BY-SA 3.0.

Le informazioni rilevanti per la maggior parte delle persone che leggono questo articolo sono: I fotografi e i creatori dal vivo di oggi che creano opere a loro nome godono della protezione del copyright per 70 anni dopo la loro morte..

Topolino e la legge sul copyright in continua evoluzione

sembri sconcertato? Ebbene lo è. Perché ci sono state così tante revisioni del diritto d’autore nella legge federale negli ultimi 100 anni? La risposta è… Topolino. No, ciò non significa che sia un’interpretazione fragile. Ciò significa letteralmente che Topolino è il motivo per cui la protezione del copyright continua ogni due decenni.

La Walt Disney Company ha fatto pressioni con successo sul Congresso e sul Federal Copyright Office per estendere la storia utile della protezione del copyright alla vita dell’autore oltre i 120 anni al fine di impedire che Topolino e altre proprietà di Walt Disney diventassero di dominio pubblico. Walt Disney, il detentore del copyright di Topolino, è morto 55 anni fa, nel 1966.

Illustrazione di Tony Hurst e licenza CC BY 2.0.

Con un marchio multimiliardario (e questo è un insieme di requisiti completamente diverso), è facile capire perché la Walt Disney Company di proprietà pubblica che è rimasta nella sua memoria ha voluto proteggere la sua attività il più a lungo possibile. Tutte le cose buone devono finire, tuttavia, e, a meno che la Disney non riesca a convincere il Congresso ad agire di nuovo per estendere la protezione del copyright, Topolino finirà nel pubblico dominio a partire dal 1 gennaio 2024.

Ma fino ad allora, la Disney ha una certa protezione. Per cominciare, solo Topolino come raffigurato in Steamboat Willie entrerà mai nel pubblico dominio. Poiché ogni rappresentazione di Topolino nel film cambia, il periodo di copyright per ogni opera è indipendente. Quindi solo perché Steamboat Willie non è protetto non significa che il mago principiante non lo sia. Questa versione di Topolino non scadrà fino al 2036.

Poi c’è la questione di Topolino come marchio, che ha i suoi termini e periodi, che complica ulteriormente la questione. Secondo una citazione del Disney Food Blog di un professore della NOVA South Eastern University, “La legge sui marchi protegge parole, frasi e simboli utilizzati per identificare la fonte di prodotti o servizi. Il diritto d’autore protegge le opere di espressione artistica dalla copia.

Ancora una volta, questo è fonte di confusione. Anche altri paesi hanno disposizioni separate sul diritto d’autore, il che rende le cose ancora più complicate.

Le informazioni in questo articolo sono fornite solo a scopo informativo e non devono essere interpretate come consulenza legale su alcun argomento. Per determinare dove lavorare nell’ambito di queste molteplici leggi sul copyright, è meglio parlare con un avvocato del copyright o visitare il sito Web dell’Ufficio del copyright degli Stati Uniti. C’è anche una circolare completa, nota come Circolare 15a, che riassume le disposizioni di ciascuna legge sul diritto d’autore, disponibile per il download e lo studio.


Crediti immagine: Illustrazione della testa creata con immagini di Depositphotos

Leave a Comment