Gigantic 360-Degree Panorama of Barcelona is a Staggering 45 Gigapixels

Il fotografo Jeffrey Martin ha creato enormi immagini gigapixel per la maggior parte di un decennio. La sua ultima immagine è un’enorme immagine da 45 GB di Barcellona che fornisce dettagli incredibili di una delle città più belle d’Europa.

Martin ha scattato foto a 360 gradi dal 2002 circa. Ha creato il suo primo grande mosaico fotografico panoramico nel 2006 utilizzando una Canon 300D e un obiettivo 70-200 mm f/2.8, che può essere visto ancora oggi, un fatto che dice dimostra che la risoluzione della fotocamera Non importava.

“Puoi fare una foto con qualsiasi risoluzione se scatti abbastanza foto e le unisci insieme!” Dice betapixel.

Martin dice di essere orgoglioso di essere “il fotografo gigabyx più ossessionato dell’universo”.

Vista dettagliata di Barcellona

Il suo ultimo progetto si concentra su Barcellona e sebbene sia di soli 45 gigapixel, che è piuttosto piccolo rispetto alla sua foto da Guinness World Records di 230 gigapixel, contiene ancora un’enorme quantità di dettagli.

Gigapixel Barcellona

“Mi ci sono voluti alcuni anni per scattare una foto a 18 gigapixel di Praga dalla torre della TV, che all’epoca era lì con le immagini più grandi mai scattate”, ricorda.

Gigapixel Barcellona

“Quindi, è da un po’ che scatto gigapixel a dimensioni crescenti. L’immagine più grande che sono riuscito a scattare è un’immagine di Praga da 900.000 x 450.000”, continua.

“Ormai, potresti essere o meno consapevole del fatto che Adobe Photoshop ha un limite di dimensione del file di 300.000 x 300.000 pixel. Ciò rende molto difficile la creazione di qualsiasi immagine più grande di quella e, francamente, raramente ne vale la pena. “

Martin dice che questa immagine gigapixel è stata scattata dalla cima della Torre Glories, precedentemente chiamata Torre Agbar, che descrive come un edificio a forma di sottaceto.

“Questo edificio è una costruzione davvero particolare, dove le finestre esterne non sono tutte lastre di vetro solide ed ermetiche; ogni finestra è un insieme di lastre che possono aprirsi o chiudersi. All’interno di quelle finestre c’è uno spazio largo un metro con un corridoio su alcuni piani, all’interno ci sono finestre per le stanze stesse”, dice.

“Quindi la trama del tetto di questo grattacielo è davvero insolita rispetto a quasi tutti gli altri grattacieli del mondo, che sono lastre di vetro solide e ininterrotte dal pavimento alla superficie. Inoltre, ci sono molte luci colorate dietro queste finestre, così è spesso L’edificio è illuminato con colori interessanti.

“In termini di fotografia gigapixel, è assolutamente un ottimo posto da cui scattare, con una posizione perfetta nel centro di Barcellona per vedere molte cose interessanti. La Sagrada Familia non è lontana e puoi vedere molti dettagli lì. ”

Gigapixel Barcellona

Gigapixel Barcellona

Questa immagine è stata catturata in un giorno da circa 6000 immagini sorgente, utilizzando una fotocamera di alta qualità con un obiettivo extra lungo, montata su uno speciale supporto robotico per fotocamera e programmata per acquisire migliaia di immagini sovrapposte.Queste immagini sono state poi accuratamente assemblate e combinato in un’immagine completa a 360. Segna con un’incredibile precisione.

L’immagine gigapixel a piena risoluzione può essere vista ed esplorata sul sito Web di Martin.

Come creare foto gigapixel

Martin afferma di utilizzare principalmente fotocamere e obiettivi Canon, ma aggiunge di essere fortemente contrario all’idea di acquistare sempre l’attrezzatura più recente.

“Per la maggior parte delle persone, una fotocamera di cinque anni sarà più che buona se ci metti davanti il ​​vetro giusto. Sono anche d’accordo sul fatto che sei sposato con i tuoi obiettivi, ma esci solo con i corpi macchina! Tuttavia, la fotografia gigapixel richiede molta fotocamera ed è importante utilizzare una fotocamera con una gamma dinamica decente, in cui avrai sempre ombre e sole nella stessa grande immagine”.

Per coloro che vogliono ottenere la massima precisione possibile, consiglia di utilizzare un obiettivo lungo e di scattare un gran numero di foto.

Gigapixel Barcellona

“A meno che tu non sia molto paziente e non ti eserciti, è meglio attenersi a una lunghezza focale di 100 mm o max 135 mm. Di solito non vado oltre la lunghezza focale di 200 mm, anche se a volte ho usato 300 mm, 400 mm e 600 mm e 800 mm, ” lui dice.

Gigapixel Barcellona

“Ma queste lunghezze focali più elevate aumentano davvero tutto – complessità, possibilità di errore, problemi meteorologici, problemi di archiviazione, tempo di elaborazione – in modo esponenziale. Se scatti a 400 mm anziché a 200 mm, stai scattando quattro volte più foto. La post-elaborazione potrebbe si rivelano mesi invece che settimane. Fai attenzione!”

Gigapixel Barcellona

Martin afferma che la premessa di base dell’imaging gigapixel è semplice, tuttavia.

“Scatta foto sovrapposte dell’intero luogo: la sovrapposizione del 30% va bene. Scarica le foto in PTGui e fai clic su Allinea. Se hai fotografato tutto correttamente, potrebbe essere tutto ciò che devi fare”, dice.

Scatta in RAW e disattiva il bilanciamento del bianco per risultati migliori. Utilizzare un’impostazione appropriata per tempo di posa, apertura e ISO. Scatta in tempo quando il tempo non cambia troppo rapidamente”, aggiunge, dicendo che gestire tutte queste cose non è difficile, ma richiede allenamento.

“E il cielo? Puoi riprendere il cielo con un obiettivo ad angolo più ampio, oppure puoi scattare in uno schema statico e allineare le immagini a una griglia: entrambi possono funzionare, ma non consiglierei di riprendere l’intero cielo con un obiettivo da 800 mm, sarebbe un esercizio di follia!”

Martin dice che ci sono una serie di buone soluzioni per il rendering di immagini gigapixel, sia a pagamento (KRPano e Pano2VR) che gratuite (Pannellum e Marzipano).

Questi visualizzatori sono in grado di tagliare l’immagine grande in centinaia di “quadrati” che poi vengono visualizzati nel visualizzatore web allo stesso modo di Google Maps: quando viene ingrandito, il visualizzatore carica un nuovo set di riquadri e solo la parte dell’immagine stai guardando carichi. Sul web in realtà è molto leggero.”

Martin dice che attualmente sta lavorando a più immagini gigapixel di Venezia, Hong Kong e Chicago che spera di pubblicare presto. Maggiori informazioni da Martin possono essere trovate sul suo sito web.

Leave a Comment