eye | BLOG: Book of the Week: Selected by William Boling

recensione del libro istanze moderne foto di Stephen Shore Recensito da William Bolling Nei casi moderni, le conoscenze, le intuizioni e gli insegnamenti di Shore sono completamente mostrati. Con oltre 170 fotografie e illustrazioni, il libro è una gioia per gli occhi e una tappa obbligata per qualsiasi fotografo, curatore o collezionista interessato a esplorare a fondo come meravigliosa fotografia (e fotografi) può essere. ) …”


istanze moderne
foto di Stephen Shore

Mac, Londra, Regno Unito, 2022. 224 pagine, 6 x 9¾”.

Memorie di Stephen Shore istanze moderne È un capolavoro moderno. Shore è un famoso fotografo e uno dei creatori più creativi e produttivi della sua generazione, come sa chiunque abbia la fortuna di vedere la sua mostra retrospettiva al Museum of Modern Art nel 2017. Con troppe mostre e libri pubblicati da menzionare, più 40 anni Come istruttore e preside nel prestigioso Dipartimento di Fotografia del Bard College, Shore sa qualcosa su un mezzo fotografico che vale la pena condividere. Gran parte di ciò che consideriamo fotografia oggi deriva dal suo lavoro leggendario.

A istanze moderneInformazioni, approfondimenti e insegnamenti a terra visualizzati per intero. Con oltre 170 fotografie e illustrazioni, il libro è una gioia per gli occhi e un “must” per qualsiasi fotografo, curatore o collezionista interessato a una profonda esplorazione di quanto possa essere eccezionale la fotografia (e i fotografi). Ma non è tutto questo ciò che rende questo libro un capolavoro. Dopotutto, la musica classica di Shore, fotografia naturalisticafinalmente alla sua terza edizione, fornisce anche una lezione fondamentale sulla natura del mezzo.

ciò che rende istanze moderne Davvero unica è la sua generosità, intimità e portata personale. Shore ci fa entrare. Abbiamo mostrato l’alchimia del mestiere insieme alle meraviglie della sua vita straordinaria. Il titolo completo del libro è, dopotutto, Paradigmi moderni: il mestiere della fotografia. Diario. Il libro è riccamente illustrato e utilizza vignette, vignette e persino una lunga conversazione e-mail con un amico e collega, George Miles, in uno stile aperto e scorrevole, unicamente di Shore, per presentare e raccontare. Shore ci invita a guidarlo attraverso le idee, le immagini, le influenze e le esperienze che lo hanno ispirato a sviluppare la sua arte e, in definitiva, a diventare lo Stephen Shore che conosciamo e pensiamo oggi.

Pochi artisti hanno il coraggio o la capacità di condividere un viaggio del genere in modo così efficace. Ma Stephen Shore è nato per condividere ed educare. Dai suoi giorni da adolescente in giro con Andy Warhol e la troupe di The Factory, attraverso la perdita precoce dei suoi genitori e le esperienze di prima mano con alcuni dei grandi e meno conosciuti giocatori del mondo dell’arte, intreccia, filo dopo filo, il arazzo di una lunga e fortunata vita nella fotografia. Scopriamo come il suo lavoro si sia evoluto da una classica strada in bianco e nero a uno stile rivoluzionario di visione dei colori Tetti americani E agli straordinari documenti in formato 8×10 per Luoghi sconosciuti. Il racconto di Shore usa le sue diverse connessioni con la pesca a mosca, il baseball, Vermeer, Shakespeare e oltre per illustrare come tutto ciò abbia influenzato la sua trasformazione in un “fotografo totale”. È impossibile in una breve recensione condividere più di due esempi di ciò che rende questo libro così speciale. Eccone due.

Il primo breve articolo e discussione del libro dopo l’introduzione si intitola semplicemente “Dead Cowboy”. Guarda l’immagine che è esattamente quello. È una fotografia forense della scena di un omicidio che un procuratore distrettuale di Amarillo, in Texas, ha presentato a Shore nel 1971. L’avvocato che scatta la fotografia proietta l’ombra a lungo sul terreno e sul corpo del cowboy morto. Shore parla della trama e del potere insito in questa fotografia vernacolare, scattata per ragioni non estetiche, per aprire una riflessione sul perché c’è tale magia nella fotografia e su come viene utilizzata. Parlando dell’immagine dice: “…Anche se appare un po’, spiega meno. Fa più domande che risposte”. Si può dire a riguardo istanze moderne. Si rifiuta di dare risposte, grandi riassunti o conclusioni su come si è fatto strada nella fotografia. Invece, ci mostra. Il libro di memorie delinea in modo accurato e chiaro le persone, le esperienze e le influenze artistiche e letterarie che portano Shore in un viaggio dalle foto 8×10 alle foto dell’iPhone e ritorno. Real Marco Polo dal centro, con istanze moderneCi accompagna con grande gentilezza e affetto nel grande cammino che ha percorso.

In una sezione intitolata Simply 1970, Shore mostra un doppio ritratto di suo padre e scrive dell’esperienza di diventare il terzo artista sopravvissuto a ricevere una mostra al Metropolitan Museum of Art. Shore all’epoca aveva 23 anni. Scrive: “All’ingresso della sfilata c’erano dei ritratti doppi dei miei genitori, uno ciascuno in mutande e l’altro in mutande. Mio padre era vestito come nella foto del travestimento per andare alla sfilata, in attesa di visitatori per riconoscerlo. Più che solo orgoglio, immagino che anche lui si sentisse bene. Dopo aver abbandonato la scuola, aver trascorso tre anni al The Factory e aver provato varie droghe, ora stavo facendo uno spettacolo al The Met. ”

Infine, va detto, l’editing, la formattazione e il design di questo libro sono eleganti, chiari e adatti agli scopi istanze moderne. L’editore, MACK, ha avuto il buon senso di creare una piattaforma che scaturisce dal lavoro. Così, il maestro condivide la sua storia con nient’altro tra lui e il lettore che l’anima dell’autore e la buona luce.

istanze moderne è la storia di un percorso artistico davvero straordinario e duraturo; Shore’s è sicuramente una delle più grandi spedizioni fotografiche dell’ultimo mezzo secolo. È narrato e presentato in modo meravigliosamente illuminante alla fine.

compra libro

Leggi altre recensioni di libri



William Pauling È fotografo ed editore per Fall Line Press ed è stato uno studente di Stephen Shore nel 2005 e nel 2006. Pubblica una newsletter settimanale su arte e fotografia su Patientletters.Substack.com e un articolo più lungo che discute istanze moderne può essere trovato lì.

Leave a Comment