Expert Says Apple’s Self Repair Service is Designed to Be Unapproachable

L’Apple Self Repair Store fornisce ai fan Apple esperti di tecnologia gli strumenti, i manuali e le parti per riparare i propri dispositivi, ma potrebbe non essere così utile o conveniente come una risorsa che i fan del diritto alla riparazione speravano. Un esperto di tecnologia dice che potrebbe costare di più fare la riparazione da soli, e potrebbe essere in base alla progettazione.

Luke Miani, uno YouTuber ed esperto di PC e prodotti Apple, afferma che dopo aver provato l’esperienza in prima persona, la maggior parte degli utenti dovrebbe evitare di utilizzare il Self Repair Store. Ma non si è fermato qui, ma è arrivato al punto di affermare che l’intero programma è stato progettato per fallire grazie a un insieme frustrante e intimidatorio di strumenti necessari per le riparazioni più semplici, oltre a ciò che sembrava essere incompleto e povero di Istruzioni.

processo travolgente

Dopo che il software è diventato disponibile, Miani non vedeva l’ora di provare un Apple Store con riparazione automatica. Ha ordinato uno schermo sostitutivo per l’iPhone 12 Pro e ha noleggiato un kit Apple per $ 50. Quello che Miani non si aspettava da una sostituzione dello schermo erano due valigie Pelican piene di attrezzature industriali per un valore di oltre $ 1.000 progettate per la rimozione e la sostituzione dello schermo.

Miani afferma che, in base alle sue esperienze con Apple in passato, si aspetta che le istruzioni dettagliate per la sostituzione dello schermo siano dettagliate e facili da seguire. Invece, dice che sono proprio l’opposto. In effetti, Miani afferma che l’intera esperienza sarà scoraggiante anche per qualcuno con esperienza nella riparazione di prodotti Apple.

“Onestamente credevo che, poiché Apple era Apple, l’avrebbero reso facile”, ha detto il compagno di squadra di Miani. “Ma non lo era. Era spaventoso. Come poteva una persona normale farlo?”

Miani dice che ciò che iFixit (il suo frequente sponsor del canale) fa per lo stesso compito è meno intimidatorio. Ad esempio, afferma, gli strumenti iFixit progettati per riscaldare e rimuovere gli schermi adesivi protetti sono molto più facili da usare e molto meno costosi. Aggiunge che le guide dettagliate dell’azienda sono ben scritte e facili da seguire, con video aggiuntivi come riferimento.

Sebbene iFixit sia uno sponsor frequente del suo canale che potrebbe essere visto come un conflitto di interessi, i suoi punti sulla sua esperienza con il programma all’ingrosso di Apple non dovrebbero essere ignorati.

Per essere chiari, Miani è stato in grado di utilizzare gli strumenti e le forniture che Apple gli ha inviato per riparare correttamente l’iPhone 12 Pro e farlo sembrare nuovo di zecca. Miani dice che il problema non è che fosse possibile, ma che ci sono volute quattro ore per completarlo. Sostiene che il processo non dovrebbe richiedere più di 30 minuti.

Miani ha anche calcolato il costo della riparazione e ha scoperto che con le parti e il costo del noleggio di un kit, un individuo che si propone di riparare le proprie macchine non risparmierà denaro per farlo. In realtà costa $ 7 in più rispetto a quanto farebbe Apple per la stessa riparazione al Genius Bar, dice.

“È come se paghi Apple per il lavoro, ma lo stai facendo”, dice Miani.

Chi è l’autoriparazione Apple?

Miani afferma che dopo averlo provato, Apple Self Repair non è proprio per il consumatore medio, il che non è del tutto sorprendente. Ma non si ferma qui. Sostiene che, poiché il processo è così complesso, intimidatorio e accompagnato da istruzioni incomplete – oltre al fatto che costa anche più dell’utilizzo diretto dei servizi Apple – ciò indica che il servizio, per lui, non è progettato per avere successo.

Mela

“L’Apple Self-Repair Store è progettato per dimostrare che Apple è l’unica opzione praticabile per riparare il tuo dispositivo”, afferma Miani.

Va notato che l’esperienza di Miani probabilmente non sarà la stessa per un’officina di riparazione di terze parti indipendente. Per coloro che si guadagnano da vivere facendo questo tipo di riparazioni, il Self-Repair Shop di Apple può essere una risorsa preziosa, anche se solo come mezzo per accedere alle parti verificate.

È anche possibile che i problemi che Miani ha dovuto affrontare non fossero decisioni prese da Apple per malizia, ma il risultato di una mancanza di impegno serio. Apple ha finalmente deciso di iniziare a offrire la possibilità di riparare i suoi prodotti, ma ciò non significa che l’azienda abbia dovuto fare di tutto per rendere la pratica amichevole. La società è stata storicamente contraria al diritto di rivedere il movimento e i suoi sforzi qui potrebbero essere minimi per evitare un conflitto diretto con la regolamentazione imminente.

In ogni caso, per l’utente medio che cerca di evitare di andare da un professionista e riparare da solo lo schermo rotto, Miani ritiene che Apple abbia progettato l’officina di riparazione automatica per fare solo una cosa: fallire e restituire il movimento di riparazione alla Genius Bar.

Leave a Comment