DJI Mini 3 Pro Review: A Gigantic Refresh for a Mini Drone

I DJI Mini erano per coloro che volevano il miglior giro con il minimo importo. DJI Mini 3 Pro è quello che succede quando paghiamo un piccolo extra.

Qualità di costruzione

Il DJI Mini 3 Pro da $ 760 offre un nuovo design del corpo con modifiche alle braccia e alle eliche, al perno della fotocamera e ai sensori di ostruzione, pur mantenendo lo stesso sotto i 249 g con la batteria standard installata. È costituito da un familiare involucro di plastica grigia DJI che nella mia esperienza è stato resistente ma leggero.

Fotocamera DJI Mini 3 Pro e cover gimbal.

DJI Mini 3 Pro con modalità fotocamera ritratto attiva.

Un gimbal aggiornato ora consente riprese con angolazioni più elevate e può anche essere ruotato verticalmente per foto e video orientati al ritratto. Nell’app DJI Fly, è semplice come fare clic su un pulsante per cambiare direzione e avviene molto rapidamente. La copertura in plastica inclusa protegge la fotocamera e impedisce al gimbal di muoversi quando non è in uso, ma il mio problema è che è molto difficile rimontarlo rispetto a qualsiasi altro drone DJI che ho usato. Forse non ho ancora capito il trucco.

Una novità della serie Mini sono i sensori di ostruzione anteriore e posteriore, nonché il sensore inferiore. Sono utilizzati con APAS 4.0 non solo per fermarsi prima dei problemi, ma anche per essere in grado di trovare automaticamente le corsie intorno agli ostacoli. Sfortunatamente, l’APAS 4.0 non è attivo per le riprese con un frame rate elevato che supera i 30p.

DJI Mini 3 Pro sul retro con ricarica USB-C e slot Micro SD.

La durata della batteria del Mini 3 Pro è perfettamente prevista di circa 30 minuti con la batteria Smart Flight standard o di ben 45 minuti con la nuova batteria Smart Flight da $ 100. L’Intelligent Flight Battery Plus ha lo stesso ingombro della batteria standard, ma ha aggiunto circa 15 minuti di volo. L’avvertenza è che è più pesante, con una confezione totale di droni che pesa oltre 250 g che poi ti costringe a segnarlo in molte aree.

La durata extra della batteria è ottima, ma per molti non sarà d’aiuto se ciò significa affrontare i requisiti di registrazione.

DJI RC

Con il nuovo Mini 3 Pro, DJI ha anche introdotto un nuovo controller opzionale. DJI RC ha un touch screen da 5,5 pollici integrato, quindi non è necessario l’abbinamento con lo smartphone. La luminosità massima di questo schermo è di 700 nits, inferiore ai 1000 nits di DJIRC Pro. Alla luce del sole, lo schermo alla massima luminosità vacilla sul limite di essere un po’ più scuro per qualsiasi tipo di monitoraggio critico, ma è perfettamente funzionale per quello che sta facendo il drone. Con l’avviso di evidenziazione e la visualizzazione del grafico attivati, la luminosità dello schermo non è diventata un problema per il mio utilizzo.

DJI RC anteriore.

Accoppiato con il sistema di trasmissione 03 di Mini 3 Pro, il feed di monitoraggio video 1080p viene fornito e ha un bell’aspetto. C’è una differenza di qualità tra quando sono in standby e quando sto registrando video, dove la qualità della registrazione è un passo avanti per un monitoraggio più accurato quando conta di più.

Il DJI RC ha un buon numero di controlli tra cui pulsanti separati per foto e video per una commutazione rapida e due pulsanti programmabili sul retro. Il pulsante foto è un pulsante a due fasi, proprio come nelle fotocamere tipiche in cui il primo stadio metterà a fuoco automaticamente e regolerà l’esposizione automatica senza scattare una foto, e il secondo stadio rimuoverà effettivamente la foto.

Sfondo DJI RC.

Nel complesso, si adatta perfettamente alla mia mano e l’impugnatura in gomma previene la forfora. La mia unica critica è che penso che le levette potrebbero usare un tocco più stretto per una maggiore precisione.

qualità dell’immagine

Con un generoso sensore CMOS da 1/1.3 di tipo e un obiettivo fisso da 24 mm f/1.7, la fotocamera può scattare foto fino a 48 MP. Tuttavia, nella modalità a fotogramma singolo standard, le immagini sono di 12 megapixel. In generale, la qualità dell’immagine è ottima con una buona gamma dinamica ed elaborazione del rumore. Anche i colori sono fantastici direttamente dalla fotocamera, sia che si riprenda in formato RAW o JPEG.

Esempio di foto di DJI Mini 3 Pro.

Esempio di foto di DJI Mini 3 Pro.

Esempio di foto di DJI Mini 3 Pro.

DJI afferma che la fotocamera ha due ISO nativi, il che sembra corretto ma onestamente non posso dire quando avviene il passaggio: le foto sono sempre un po’ rumorose, indipendentemente dall’ISO che sto usando. I livelli di rumore sembrano più o meno gli stessi da ISO 100 fino a un massimo di ISO 6400 e, se non altro, le mie foto di prova mostrano che il 6400 sembra più pulito di 100 sembra un rumore di tipo granuloso. Vedo che la gamma dinamica subisce un colpo all’aumentare degli ISO, ma il dettaglio non si blocca più o meno.

Un’altra area che mi ha colpito è stata la capacità della fotocamera di gestire le scene in controluce. Il riflesso dell’obiettivo è principalmente ridotto a un piccolo punto verde e all’angolo giusto negli angoli molto lontani possono esserci riflessi interni della fotocamera. Nel complesso, l’obiettivo mantiene il contrasto molto meglio di quanto mi sarei aspettato in situazioni difficili.

Confronto tra ISO 100 e ISO 6400.
Confronto tra ISO 100 e ISO 6400. Rendimento del 100%. Stranamente, l’app DJI Fly ha riportato entrambe le esposizioni a -1,7 EV durante le riprese. Il motivo a rombi sbiadito della tela che stavo fotografando.
Spegnere la fotocamera appena prima che l'ombra venga ripristinata.
Spegnere la fotocamera appena prima che l’ombra venga ripristinata.
Dopo aver ripristinato le ombre.
Dopo aver ripristinato le ombre. Il rumore nelle ombre diventa più evidente e grumoso, ma ci sono ancora informazioni sull’immagine lì.

Qualità video

Quando guardo il minuscolo Mini 3 Pro e la minuscola fotocamera su di esso, è difficile credere che la qualità video sarà così buona. Tuttavia, anche con vento forte, il Mini 3 Pro ha funzionato oltre le aspettative per creare scatti ricchi e fluidi.

Può girare in 4K fino a 60 fps o 1080p fino a 120 fps. C’è anche l’HDR che registra fino a 30 fotogrammi al secondo. Tutto questo può essere fatto in una cornice orizzontale o anche verticale per mantenere tutta la fedeltà della pubblicazione sui social media. Ecco i confronti del ritaglio al 100% presi da filmati 4K, 2.7K e 1080p. Non vedo quasi nessuna differenza nei dettagli.

DJI Mini 3 Pro 4K frame grab.  Raccolto al 100%.
DJI Mini 3 Pro 4K frame grab. 100% raccolto.
Impugnatura per telaio DJI Mini 3 Pro 2.7K.  100% raccolto.
Impugnatura per telaio DJI Mini 3 Pro 2.7K. 100% raccolto.
Fotocamera DJI Mini 3 Pro 1080p.  100% raccolto.
Fotocamera DJI Mini 3 Pro 1080p. 100% raccolto.

Di seguito è riportato un breve filmato del tramonto in condizioni ventose per avere un’idea della qualità dell’immagine video 4K 30p. Girato in modalità colore “normale” senza successive correzioni del colore. Il DJI Fly continuava ad avvertirmi che avrebbe forzato un atterraggio perché il vento era troppo forte, anche se non lo ha mai fatto. Come puoi vedere nella prima clip, è stato difficile rimanere fermi e rimanere stabili con il vento, ma l’aggiunta di qualsiasi tipo di movimento ha ridotto drasticamente quegli effetti così tanto che è difficile individuarli a parte guardare l’erba che si avvolge.

DJI migliora la possibilità di utilizzare lo zoom digitale per la registrazione video, come lo zoom 2x a risoluzione 4K, lo zoom 3x a 2,7K e lo zoom 4x a 1080p. Indipendentemente dallo zoom digitale utilizzato, vuoi che il progetto finale sia a 1080p, altrimenti i risultati diventeranno troppo disordinati. Ingrandire due volte a 4K suona male, ma il downsampling a 1080p è tollerabile e la storia è la stessa con 3x a 2,7K. Di seguito è riportato un confronto dello zoom digitale in cui il video stesso è 1080p.

Enorme modernizzazione di un piccolo drone

Continuando ad alzare la posta, DJI si rifiuta di rallentare il mercato dei droni nonostante sia al top ormai da anni. Questo nuovo drone offre innumerevoli miglioramenti al fattore di forma mini con una fotocamera e un gimbal migliori, una maggiore durata della batteria, prestazioni di volo più stabili e sensori di ostacoli aggiunti, oltre a tutte le piccole cose come ActiveTrack, profilo colore D-Log, video HDR.

Ci sono alternative?

Questa è la quarta edizione della gamma di piccoli droni DJI dopo Mavic Mini, Mini 2 e Mini SE. Il Mini 3 Pro si distingue chiaramente come un miglioramento di livello successivo rispetto ai modelli precedenti sotto ogni aspetto, ma se l’idea di acquistare un drone nuovo di zecca che si schianta o affonda accidentalmente la prima volta che voli ti perseguita, un po’ meno potrebbe essere la strada da percorrere Solo per sentirsi a proprio agio. Il Mini 3 Pro, d’altra parte, è il primo della serie Mini ad avere sensori per evitare qualsiasi ostacolo sulla parte anteriore e posteriore, quindi è ancora una decisione difficile.

DJI Mini 3 Pro al volo.

Come proprietario di DJI Mavic Air 2, il nuovo Mini 3 Pro sembra essere tutto ciò che mi piace del mio drone ma è migliore, in un pacchetto più piccolo e con tempi di volo più lunghi. Se dovessi acquistare un drone oggi, andrei con il Mini 3 Pro over the Air 2 (per essere chiari, non intendo l’Air 2S).

Dovresti comprarlo?

Sì. Il DJI Mini 3 Pro è un drone di alta qualità in un piccolo pacchetto. Le persone che vogliono le migliori foto di sempre e non si preoccupano delle dimensioni del proprio drone o di quanto devono spendere hanno altre opzioni, ma per quasi tutti gli altri, questo è il drone giusto da acquistare.

Leave a Comment