Creativity Comes to Life at the 2022 SXSW Film Festival

Fonte immagine: Fotografia Davisro, Adobe Stock.

Mentre ci dirigiamo verso una proiezione dinamica di film, serie, video musicali e altro al SXSW, vogliamo mettere in luce la creatività dei registi e dei creatori che partecipano al festival di quest’anno.

Continuiamo a essere ispirati dall’ingegno di narratori di tutto il mondo che si riuniscono ogni anno ad Austin e siamo entusiasti di vedere che Creative Cloud continua a consentire ai creatori di dare vita alle loro storie. A partire dal Tutto ovunque tutto in una volta a Emergenza a Le ultime star del cinema e molti altri, grazie ai registi e ai montatori che hanno utilizzato Premiere Pro e Frame.io, e ai designer dei titoli, ai designer di poster e agli artisti di grafica animata che sono stati alimentati da After Effects, Photoshop e altro ancora.

Adobe è, ancora una volta, orgoglioso sponsor degli SXSW Film Awards che includono l’Adobe Editing Award e i Film Design Awards. Siamo entusiasti di condividere la nostra programmazione per il festival di quest’anno, che presenterà registi, designer, marchi, esperti di tecnologia e altro ancora incredibili mentre si tuffano negli argomenti che conoscono meglio. Dai un’occhiata ai dettagli qui sotto e assicurati di passare se stai partecipando al festival! (Avrai bisogno di un pass per la conferenza per partecipare.)

Come costruire una cultura tecnologica inclusiva

Data: Sabato 12 marzo

Tempo: 10-11 CT

Posizione: Hilton Austin Downtown: Salon K

Di: Come puoi trattenere i migliori talenti, stimolare l’innovazione e sviluppare la fiducia nel tuo team? Creare una cultura del lavoro che esalti opinioni diverse e creda nell’inclusione, in cui tutti i membri del team possono condividere apertamente i propri pensieri e idee, non è sempre facile, ma dovrebbe essere il nostro obiettivo. Inclusione può anche significare fornire al tuo team la flessibilità di lavorare nei modi che meglio si adattano alle loro vite. In questa sessione ascolterai un gruppo di leader tecnologici di alto livello, tutte donne che supervisionano team grandi, globali, diversificati e remoti, mentre discutono delle loro sfide e dei loro successi nella costruzione di culture inclusive e di come si assicurano che ogni membro del team abbia un voce.

Relatori:

  • Maria YapVP di Digital Imaging presso Adobe
  • Linda AielloChief People and Culture Officer presso Stitch Fix
  • Colette StallbaumerDirettore Generale di M365/Future of Work in Microsoft
  • Erica LockheimerVP of Engineering, Talent Solutions, Learning e Glint presso LinkedIn

Farlo o fingere? Protezione del lavoro dei creativi

Data: Sabato 12 marzo

Tempo: 11:30-12:30 CT

Posizione: Austin Mariott Downton: Waller

Di: Puoi fidarti di ciò che vedi? Con l’aumento della velocità dei contenuti non autentici, la provenienza digitale è più che mai necessaria. Le potenti tecniche di creazione, modifica e distribuzione sono diventate onnipresenti, ma ecco il problema: gli stessi strumenti utilizzati per creare e condividere contenuti legittimi possono essere utilizzati anche per creare e diffondere immagini, video e altri file digitali falsi, oltre a sovvertire il copyright e proprietà nell’economia dei creatori emergente. Ad esempio, le NFT rappresentano un’enorme opportunità per gli artisti, ma possono anche essere un modo importante per proteggere i creativi e i collezionisti verificando l’autenticità delle opere d’arte.

Discuteremo la minaccia della disinformazione, i modi in cui i creatori possono proteggere il proprio lavoro e come i consumatori possono verificare l’autenticità dei contenuti. Conoscere le origini dei contenuti garantisce trasparenza e fiducia.

Relatore:

  • Will Allen, VP of Community Products di Adobe

Sessione in primo piano: costruire una pipeline più diversificata di talenti di design

Data: domenica 13 marzo

Tempo: 10-11 CT

Posizione: JW Mariott: Salone 6-8

Di: La leadership del design ha la responsabilità di supportare ed elevare la prossima generazione di designer. Con le enormi sfide che la nostra società sta affrontando in questo momento, questa responsabilità diventa ancora più importante, soprattutto quando si tratta di creare opportunità per i gruppi sottorappresentati di prendere parte al nostro settore. Il design deve evolversi e perché ciò avvenga, è più che mai cruciale che voci nuove e diverse entrino nel settore e prosperino. L’istruzione è una delle componenti chiave per creare questo cambiamento. In questa sessione Khoi Vinh/Adobe discuterà cosa significa crescere, sostenere e fare da mentore agli aspiranti designer per accedere all’istruzione che meritano, indipendentemente dalla loro razza, etnia, sesso, età, background economico o culturale e nonostante le sfide che devono affrontare . Sarà affiancato da un recente vincitore di una borsa di studio dell’Adobe Design Circle per condividere su cosa stanno lavorando e in che modo il loro background gioca un ruolo nella creazione del design.

Relatori:

  • Jonathan Rodriguez, studente di Design
  • Khoi Vinh, Senior Director of Design di Adobe

L’arte e l’artigianato di una sequenza di titoli accattivante

Data: Lunedì 14 marzo

Tempo: 11:30 – 12:30 CT

Posizione: Centro congressi di Austin: Sala 17AB

Di: La prima cosa che il pubblico vedrà spesso quando guarda un film o una serie TV è il trattamento del titolo. Suspense o comico, giocoso o solenne, questo boccone creativo stabilisce il tono emotivo e visivo di ciò che verrà, e i designer dei titoli hanno il compito fondamentale di garantire che questa clip amplifichi l’atmosfera e l’estetica della serie o del film nella sua interezza. In questo pannello guidato da Senior Product Manager di Motion Graphics ed effetti visivi di Adobe, Victoria Necee designer di titoli professionisti tra cui Michael Riley (Uccelli rapaci), Penelope Nederlander (Più cadono)e Hazel Baird (Lo spettacolo mattutino) esplorerà il mondo del design del trattamento del titolo ed esplorerà l’arte e la scienza dietro questo piccolo celebrato, ma di vitale importanza, pezzo del processo di realizzazione del film.

Il potere delle didascalie video per il coinvolgimento

Data: Martedì 15 marzo

Tempo: 10:00 – 11:00 CT

Posizione: JW Marriott, Sala: Salone D

Di: L’esplosione di contenuti video su Internet ha accelerato la necessità di didascalie di testo sui video, sia per il pubblico con problemi di udito che per l’83% degli utenti mobili che preferiscono guardare senza audio. I creatori di video si stanno muovendo per rendere i loro contenuti più accessibili, costruendo un mondo in cui ogni storia può essere ascoltata e vista, ma il processo di sottotitoli può sembrare noioso e dispendioso in termini di risorse. In questo pannello, Meagan Keane, principale product marketing manager di Adobe Professional Film & Videoe Jen Millet, chief marketing officer dei Golden State Warriorsspiegherà come i creatori possono migliorare il proprio gioco con le didascalie e i vantaggi creativi e aziendali derivanti dalla creazione di contenuti accessibili.

L’etica dei deepfake: sono sempre cattivi?

Data: mercoledì 16 marzo

Tempo: 14:30-15:30 CT

Posizione: Hilton Austin Downtown: Salon J

Di: I media sintetici (noti anche come “deepfake”) sono spesso considerati pericolosi. Video manipolati di celebrità o politici che fanno dichiarazioni eclatanti ci hanno mostrato quanto possa essere potente la loro viralità e l’impatto che può avere sulla società quando contrappone la verità alla finzione. Ma il contesto conta e se tale contenuto è considerato “buono” o “cattivo” in definitiva dipende dal motivo per cui è stato realizzato. Gli usi creativi come i video iperrealistici prodotti dall’IA e persino gli effetti visivi nei film saranno sempre più onnipresenti. Il direttore dei contenuti autentici di Adobe, Andy Parsons, e Henry Ajder, responsabile delle politiche e delle partnership di Metaphysic e capo di Synthetic Futures, una community che plasma un futuro positivo per i media sintetici, discuteranno di come i media sintetici possono essere semplici ed etici per i creatori.

Relatori:

  • Henry Ajder, capo della politica e dei partenariati, metafisica
  • Andy Parsons, Direttore della Content Authenticity Initiative di Adobe

Leave a Comment