3 Important Visual Factors for Better Landscape Photography

Come ti assicuri che le tue foto abbiano un’impressione duratura? C’è una formula che può aiutarti a ottenere un miglior design visivo?

La fotografia di paesaggio va oltre la semplice documentazione di un luogo attraverso le fotografie. Non si tratta solo di viaggiare per fotografare un luogo. L’obiettivo più profondo di un fotografo paesaggista è trovare il modo migliore per vedere un determinato sito e offrire ai suoi spettatori un’esperienza indimenticabile attraverso le loro fotografie.

Un modo per lasciare un’impressione duratura nelle tue foto è offrire agli spettatori un’esperienza soddisfacente guardando la tua foto. Nella fotografia di paesaggio, ciò può essere ottenuto attraverso vari modi che invogliano lo spettatore a impiegare un po’ più di tempo per guardare l’immagine e vederla non solo come una breve immagine, ma anche come una miscela armoniosa di molte parti diverse. Con un’attenta composizione e design visivo, puoi ottenere una migliore coerenza nelle tue immagini, indipendentemente da dove ti trovi e indipendentemente da ciò che il sito ti offre.

Profondità

Un modo per ottenere un design visivo più dinamico è dare più profondità allo scatto. Ciò si ottiene utilizzando elementi visivi situati in più livelli della scena che indicherebbero che ogni livello sta effettivamente andando in profondità. Per installazioni più complesse, puoi dividere ogni frame in tre strati principali; lo sfondo, che di solito è il cielo; la terra di mezzo, dove si vedono elementi visibili distanti, come montagne, edifici o specchi d’acqua lontani; e primo piano, che è praticamente qualsiasi cosa in una cornice ravvicinata della fotocamera. Ciascuno di questi livelli può contenere elementi visivi che indicano la profondità.

Esistono diversi modi per ottenere un senso di profondità sullo sfondo. In particolare nel cielo, l’illuminazione e il movimento possono enfatizzare la presenza di più strati anche da una distanza relativa. Uno dei motivi principali per cui l’illuminazione è spesso preferita durante l’alba o il tramonto è che la direzione da cui la luce solare illumina le nuvole spesso enfatizza i bordi e le distanze tra più strati di nuvole. Questo, ovviamente, si aggiunge all’effetto emesso dai colori proiettati dalla luce di un tramonto o di un’alba. Un altro modo per rendere lo sfondo più dinamico è usare il movimento. Uno dei motivi per utilizzare una lunga esposizione quando c’è abbastanza luce è consentire al movimento delle nuvole di presentare trame uniche che indicano la direzione.

Il centro e il primo piano a volte possono essere intercambiabili. Il centro della Terra contiene spesso elementi visibili che sono relativamente lontani ma non occupano lo strato più esterno. La profondità nel mezzo del terreno spesso dipende dalla struttura stessa e da come è influenzata dalla luce, ma alcuni fattori ambientali come nebbia o foschia possono aumentare la profondità in quello strato. Un approccio popolare per ottenere una maggiore profondità in primo piano consiste nell’utilizzare obiettivi ultragrandangolari. Gli obiettivi grandangolari hanno l’effetto di estendere entrambe le strutture e le distanze tra di esse in modo da rendere più visibili gli oggetti più vicini alla fotocamera. L’uso di elementi visivi che creano un motivo diagonale sottolinea anche lo spazio e la distanza all’interno dell’area più vicina.

Bilancia

Un altro aspetto in cui puoi fornire un’esperienza soddisfacente ai tuoi spettatori è quando trovi un equilibrio nel tuo design visivo. È un fattore chiave per il targeting di esposizioni bilanciate, ma l’equilibrio è in realtà parte di ciò che governa la totalità dei fotogrammi, della composizione e persino dei colori. Ogni elemento visibile nella tua cornice ha il suo peso visivo. Anche gli spazi vuoti richiedono molto peso visivo. Questo non è sinonimo della quantità di spazio che un oggetto occupa ma della quantità di attenzione che richiede. Questo potrebbe essere per le sue dimensioni, lucentezza o colore.

Mentre la simmetria è forse l’esempio più automatico di equilibrio nel design visivo è simmetria, non è un requisito assoluto. La cornice non deve essere simmetrica per avere un aspetto soddisfacente. Invece, l’obiettivo dovrebbe essere l’equilibrio ottico relativo. Ciò significa che in generale le cose di peso ottico significativo dovrebbero essere scambiate dall’altra parte, non necessariamente della stessa dimensione o luminosità ma con un effetto simile. Un oggetto luminoso potrebbe essere l’equivalente di uno spazio negativo più grande, oppure una forma identificabile come la sagoma di una persona potrebbe essere l’equivalente di una cascata. L’importante è soppesare ogni elemento visivo con come lo percepisci tu stesso e vedere come la sua presenza influisca sull’intero fotogramma.

fluire

Il terzo fattore a cui dovresti mirare è il flusso visivo coerente all’interno della tua immagine. Sebbene la maggior parte delle foto di paesaggi abbia un punto focale, che è forse il punto culminante della scena, è importante pensare a come ogni altra parte dell’immagine contribuisce alla sua totalità. Immagina l’esperienza visiva che la tua foto offre come un tour di un luogo. Puoi utilizzare alcuni elementi visivi come guide o frecce che dirigono gli occhi degli spettatori all’interno e intorno all’immagine. Puoi usare le linee effettive nella scena per indicare una direzione, oppure puoi usare oggetti che rappresentano il ritmo o le sequenze. Potrebbe essere il flusso d’acqua in un ruscello, i percorsi del traffico cittadino, i lampioni oi pali ripetuti o le linee virtuali create dalle rocce. Seguendo questa idea, il flusso dovrebbe, ovviamente, portare da qualche parte e quanto dovrebbe essere chiaro il modo in cui componi le tue immagini. L’obiettivo è che il flusso visivo porti a un punto focale in cui gli spettatori troveranno una soluzione all’esperienza di vedere la tua immagine e quindi vedere l’immagine nel suo insieme. Ogni linea che punta lontano da quel flusso e ogni elemento visivo con troppo peso in competizione con il punto focale sarebbe una distrazione.

Potrebbe non essere sempre possibile scattare fotografie di paesaggi per integrare tutti i fattori visivi. Come fotografi di paesaggi, siamo spesso limitati da ciò che l’ambiente offre effettivamente. Tuttavia, l’obiettivo è raggruppare quanta più esperienza visiva possibile in un unico frame che il sito ha da offrire.

Leave a Comment